«Maturità, il maxi orale in un'ora sola». Intervista al dirigente Marri dell'IIS Marconi-Pieralisi | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Maturità, il maxi orale in un’ora sola». Intervista al dirigente Marri dell’IIS Marconi-Pieralisi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il dirigente Corrado Marri

JESI – Maturità oggi al via. Per studenti e professori è arrivato l’appuntamento con il maxi colloquio da 40 crediti, l’unica prova prevista e in presenza. E se i ragazzi sono emozionati, i docenti hanno passato gli ultimi giorni a riunirsi, studiare le direttive del Miur, preparare le aule.

«Sull’organizzazione siamo tranquilli, tutto è pronto. Ciò che preoccupa però sono i tempi»: queste le parole dell’ingegner Corrado Marri, dirigente dell‘IIS Marconi Pieralisi di Jesi e presidente di commissione al Meucci di Castelfidardo dove scrutinerà 41 studenti, 26 del liceo delle scienze applicate e 15 del corso di elettronica. Sono 123 invece i maturandi all’istituto jesino, 81 del Marconi e 42 del Pieralisi, e 4 le commissioni esaminatrici. «La riorganizzazione degli spazi è tale da garantire il giusto distanziamento tra i presenti – spiega Marri – . Ad ogni maturando abbiamo chiesto di arrivare con il proprio device per collegarsi al videoproiettore e, inoltre, potrà presentarsi con un solo accompagnatore». Niente pubblico di amici dunque a fare il tifo quest’anno. Inoltre per evitare assembramenti, i risultati saranno esposti via via che ogni classe sarà esaminata. «I primi saranno affissi già da sabato – aggiunge il dirigente -. Tutto è stato ben settorializzato. Con il maxi orale potremo assegnare fino a 40 crediti utilizzando la griglia di valutazione del Ministero. L’unico aspetto che preoccupa è il tempo: solo un’ora per il colloquio con lo studente, troppo poco per entrare nel dettaglio dei vari argomenti».
Sessanta minuti da dividere per le cinque fasi della maxi prova: l’elaborato sulle materie di indirizzo, la discussione di un testo di letteratura, l’argomento-stimolo proposto dalla commissione con collegamenti interdisciplinari, l’esposizione dell’esperienza di alternanza scuola-lavoro, domande sull’attività di cittadinanza e costituzione. «Senza contare che da luglio dovremmo occuparci poi dei privatisti, questione che, se non avviata per tempo, rischia di incidere sulle ferie dei docenti con conseguenti disagi – prosegue Marri. – Avvieremo tutto dal 10 luglio senza rimandare a settembre, mese già impegnativo visto i corsi di recupero per gli studenti insufficienti e la nuova gestione degli spazi prevista per la ripresa delle attività didattiche».

Marri: «Se la scuola dovesse riaprire il 14 settembre, poco tempo per organizzare il ritorno degli studenti in sicurezza».

É attesa per fine mese la decisione del Ministero sulla riapertura delle scuole: «Anche qui la tempistica sarà fondamentale – sostiene il dirigente – Se la scuola dovesse riprendere dal 14 settembre, come già sostengono alcune voci di corridoio, ci sarà da fare in fretta per rimettere le classi nelle condizioni di accogliere gli studenti. Al Marconi Pieralisi sono circa 1000 gli studenti, riuscire a garantire il distanziamento non sarà semplice». Gel e mascherina non risolvono infatti i problemi di spazio che riguardano un po’ tutti gli istituti in città: «Se ce ne sarà la possibilità – spiega il dirigente – vorrei riportare il 50% dei ragazzi a scuola e lasciare l’altro 50% a casa, alternando tre giorni a settimana di lezioni in presenza con altrettanti in via telematica» Una soluzione che permetterebbe anche di ridurre il sovraffollamento degli mezzi di trasporto pubblici: «L’istituto ha rafforzato la dotazione tecnologica per consentire le lezioni a distanza. Ad ogni modo, sembra che il Ministero sia più orientato verso la decisione di riportare tutti in classe, probabilmente per liberare le famiglie – conclude Marri -. Da parte nostra, noi docenti continueremo ad essere cauti, a prendere le misure necessarie e a garantire il servizio scolastico».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.