Presentato il volume "La collezione d'arte di UBI Banca" | | Password Magazine
Banner4Baffi

Presentato il volume “La collezione d’arte di UBI Banca”

JESI – Presentato il volume “La collezione d’arte di UBI Banca: primi appunti sul nuovo assetto” nelle splendide sale del Teatro Pergolesi di Jesi: una collezione con più di seimila opere d’arte, dal Trecento ai giorni d’oggi, di proprietà di UBI Banca.

Presenti all’incontro Lucia Chiatti, amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini; Antonella Crippa, curatore responsabile della Collezione UBI Banca e Roberto Gabrielli, responsabile della Macro Area Territoriale Marche Abruzzo di UBI Banca.

Il volume “La collezione d’arte di UBI Banca: primi appunti sul nuovo assetto” è stato redatto in occasione dell’Assemblea degli azionisti di UBI Banca che si è tenuta ad aprile 2018 e la sua pubblicazione rientra tra le iniziative messe in campo dalla Banca per promuovere la fruibilità e la conoscenza del proprio patrimonio artistico. Ad oggi la collezione conta circa 6500 opere, tutte realizzate tra il XIV e il XXI secolo e provenienti dalle raccolte degli istituti incorporati nel Gruppo nel corso degli anni. “È importante parlare del patrimonio artistico e immobiliare che il gruppo è riuscito a mettere insieme negli anni – commenta Roberto Gabrielli – perché la promozione della cultura è cruciale per noi e il fare banca bene è anche questo, portare avanti iniziative sul territorio legate all’arte”. La Fondazione Pergolesi Spontini e UBI Banca sono da anni partner, “a nome della Fondazione non posso che ringraziare l’UBI Banca per aver voluto condividere questo momento di cultura con noi – commenta Lucia Chiatti – perché ciò che ci accomuna è la voglia di far spazio alla bellezza e all’arte”. Tra le opere più rilevanti della collezione UBI Banca presenti in centro Italia, la scultura realizzata da Eliseo Mattiacci dal titolo “Geografia astrale”, allestita nel centro direzionale di Jesi Fontedamo e il grande dipinto “La figlia di Iorio (al tramonto)” realizzato da Francesco Paolo Michetti alla fine dell’Ottocento, conservato nella sede di Chieti.

Faceva parte della collezione proveniente dalla Banca Popolare di Ancona anche la “Madonna orante” di Giovanni Battista Salvi, detto il Sassoferrato, dipinto donato alla Pinacoteca civica di Jesi nel 2005 ed ora a Palazzo Pianetti, “la Banca è molto aperta ai prestiti – spiega Antonella Crippa – perché il nostro obiettivo primario è quello di promuovere le tante realtà culturali del territorio sia con il sostegno materiale da parte della banca sia con i prestiti della nostra collezione con l’obiettivo di valorizzarla e mostrarla a più persone possibili”. Le opere della collezione risiedono nelle sedi delle banche che fanno parte del gruppo UBI Banca in tutta Italia e dunque in quei palazzi in cui quotidianamente si lavora, “la collezione non vanta soltanto opere quali libri antichi, sculture e dipinti – prosegue Antonella Crippa – ma anche palazzi realizzati tra gli altri da Giuseppe Piermarini, Marcello Piacentini, Gio Ponti, Luigi Caccia Dominioni e Vittorio Gregotti, ma anche i loro apparati decorativi e gli archivi storici, tra cui l’Archivio storico del Monte di Pietà di Milano, l’archivio storico della Banca Popolare di Bergamo e di Banca Etruria”. Infatti, la collezione di UBI Banca comprende affreschi trecenteschi e quattrocenteschi e sculture di alta epoca, dipinti del Rinascimento bresciano e bergamasco (Moretto, Savoldo, Romanino, Previtali), del Seicento e del Settecento lombardo, romano e napoletano (Legnanino, Vanvitelli, Caracciolo, Preti, Solimena, Giordano), oltre a carte e tele delle diverse scuole e movimenti dell’Ottocento (Inganni, Fattori, Lega). La sezione più cospicua della collezione comprende opere del XX-XXI secolo che documentano l’evoluzione dell’arte italiana e internazionale, da Umberto Boccioni a Alighiero Boetti, da Anish Kapoor a Yan Pei Ming, da Rudolf Stingel a Wolfgang Tillmans e Olafur Eliasson.

Il libro è disponibile anche in formato e-book in edizione italiana e in inglese ed è inoltre possibile tenersi aggiornarti e consultare la collezione tramite il sito www.arte.ubibanca.com o la loro pagina Instagram “Arte UBI Banca”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.