Quei rotoni sul vallato

CURIOSANDO/ a cura di Riccardo Ceccarelli

 Nel dicembre 1960 ce n’erano 18 sul Canale Pallavicino tra Moie e Jesi. Ora ce n’è uno nei pressi della Pizzeria “Al vecchio Rotone” adiacente all’abitato di Moie; un altro anni fa era ubicato nei pressi di Pantiere, un altro ancora era sul Canale Urbani non lontano da Borgo Loreto di Castelplanio. Quello di Moie è completamente abbandonato, come gli altri, tra le sterpaglie che fiancheggiano il canale, solo il nome del vicino locale ne conserva il ricordo. Facevano parte, i rotoni, del paesaggio agrario della nostra  valle.

Fissati su un asse trasversale poggiante su dei supporti insistenti sui rispettivi lati del canale, avevano cassettoni-pale  immersi parzialmente nell’acqua del canale che scorrendo li faceva girare; i cassettoni-pale pieni d’acqua girando la riversavano in apposite canalette che la immettevano nelle diverse canalizzazioni dei limitrofi terreni agricoli destinati prevalentemente all’orticoltura. Non erano sempre in funzione, si potevano abbassare o alzare dal livello dell’acqua a seconda della necessità dell’acqua per le coltivazioni. Un marchingegno semplice ma utilissimo per prelevare acqua dal canale. Altri sistemi c’erano, come la portella o la moto-pompa, quest’ultimo impiantato con l’avvento della elettricità applicata al pompe d’acqua; la portella era una specie di sportello che si apriva direttamente sul canale. Segni di condivisione, anche se, pur essendo l’acqua pubblica, qualcosa si doveva alla proprietà del canale, i Pallavicino, poi, dal 1974 quando fu costituita, alla S.C.A.I.Va.P. (Società Cooperativa Agricola Irrigazione Vallato Pallavicino).

Il Canale Pallavicino, dal nome di chi se lo aggiudicò all’asta nel 1824 dal Demanio pontificio, il Marchese Stefano Lodovico Pallavicino, ha la sua prima origine dalla bonifica dei monaci benedettini del IX-XI secolo. Lungo il suo corso erano ubicati numerosi molini  che alla fine del XIII secolo furono acquistati dal Comune di Jesi. Sulla fine dello stesso secolo Bernardino di Sante da Esanatoglia e suo figlio Francesco, per ordine del Comune di Jesi, corressero e riassettarono il corso del vallato. Verso la fine del Settecento riparazioni e varianti furono predisposte da Mattia e Paolo Isidoro Capponi, architetti di Massaccio, odierna Cupramontana. Comunque sostanzialmente il tracciato del vallato che nasce a Moie per arrivare al torrente Granita a Jesi, è quello di Bernardino e Francesco da Esanatoglia. La funzione più importante del vallato-canale lungo i secoli fu quella di dare forza motrice ai molini della Comunità di Jesi ubicati nei pressi delle mura della città, l’utilizzo delle acque a scopo agricolo si aggiunse poi con le colture ortofrutticole più intensive in tempi relativamente più recenti.

Il Canale Urbani che pure aveva un rotone, fu costruito invece ai primi del Novecento ed è caratteristico per avere una serie di archi che sorreggono per qualche centinaio di metri il suo corso in territorio di Castelplanio. I due vallati-canali più importanti, Pallavicino e Urbani – altri ce n’erano di minore lunghezza per utilizzo industriale e irriguo, tutti derivanti l’acqua da fiume Esino – rimangono la più importante testimonianza dell’intervento dell’uomo sul territorio in epoche passate, ormai integrato nel paesaggio della valle. Territorio che acquisterebbe un piccolo valore aggiunto se si restaurassero quei rotoni. Richiesta fatta anni fa ma rimasta inascoltata. Come questa, credo. Almeno si è destata un po’ di curiosità. E se fosse tale è già molto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*