Renzi a Jesi: «Alle urne la scelta è se cogliere o no l'opportunità del MES» | Password Magazine
Festival Pergolesi

Renzi a Jesi: «Alle urne la scelta è se cogliere o no l’opportunità del MES»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Matteo Renzi a Jesi

🎤 L'arrivo di Matteo Renzi a Jesi, il saluto alla città, il suo sostegno a Mangialardi. È solo un estratto, seguirà articolo!

Pubblicato da Password Magazine su Mercoledì 16 settembre 2020

JESI – Dopo Salvini, anche Matteo Renzi è arrivato a Jesi. Accolto dai sostenitori e dai candidati della lista regionale di Italia Viva, Demos, Psi, Civici Marche, il leader del centrosinistra ha fatto tappa al Circolo cittadino per un incontro organizzato con gli organi di stampa. Presente anche Fabio Urbinati, l’on. Ettore Rosato e l’on. Lucia Annibali.
«Jesi, città del Ct della Nazionale Roberto Mancini e della scherma ma nota anche per i valori culturali, sociali ed educativi molto profondi» ha esordito salutando i presenti.
Poi le considerazioni su quella che ha definito essere una campagna elettorale complicata: «La nostra preoccupazione è incentrata comunque sui posti di lavoro, il coronavirus è un cambiamento radicale nella storia del nostro Paese: priorità sarà rimettere in piedi i cantieri, ripartire con l’occupazione, trovare le occasioni affinché le nostre bellissime regioni tornino a crescere bene».
Per Italia Viva si gioca tutto sulla logica di scegliere o no di spendere 209 miliardi del Recovery Fund: «La scommessa a livello nazionale è prenderli e spenderli bene, a livello regionale si tratta di scegliere tra un candidato sovranista (Acquaroli, ndr) che non vuole i fondi del Mes o la proposta di Mangialardi, il più preparato, che non vuole rinunciare a centinaia di migliaia di euro per i cittadini. Chi vince dovrà affrontare questioni importanti come la salute, la ripartenza, la scuola».

20200916_123232

Per Renzi il Paese è di fronte a un bivio: «O riusciamo a spendere bene questi fondi arrivati dall’Europa oppure faremo male all’Italia, indebitando le future generazioni per decenni». A questo si aggiungono parole dure su Salvini: «Se non lo avessimo mandato a casa non avremmo preso questi miliardi per ripartire – ha detto -. Continuare a restare chiusi dentro la propria frontiera e non aprirsi all’Europa impedisce di vedere la bellezza dell’Italia, delle Marche».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.