Draghi chiude l'anno italiano: "Il mio destino non conta. Successo dell'Italia merito dei cittadini" | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Draghi chiude l’anno italiano: “Il mio destino non conta. Successo dell’Italia merito dei cittadini”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ROMA Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha incontrato stamattina i giornalisti nella sede dell’Ordine dei Giornalisti a Roma per offrire un bilancio di quanto fatto quest’anno in seno al Governo. Durante la conferenza stampa, consueta di questi periodi e comunemente detta “di fine anno”, l’ex capo della Bce ha evidenziato i principali successi dell’Italia, soffermandosi anche su quelle che sono state e che rimangono le sfide del presente del Paese. La diffusione della variante Omicron, il mantenimento della maggioranza politica, il futuro di Draghi e la questione del successore di Mattarella come capo dello Stato.

Come riportato da Adkronos, parlando della pandemia, Draghi ha spiegato: “I vaccini restano lo strumento di difesa migliore dal virus e l’evidenza scientifica ci dice che il vaccino funziona molto bene. Dall’inizio della campagna vaccinale abbiamo somministrato oltre 106 milioni di dosi. Circa l’80% della popolazione ha ricevuto almeno una dose. Abbiamo somministrato 15,6 milioni di terze dosi, invito tutti i cittadini a fare la terza dose: è la priorità. L’evidenza scientifica ci dice che il vaccino funziona molto bene contro le nuove varianti”, ha concluso il segretario di Stato.

coronavirus

Sull’onda della nomina, da parte della rivista The Economist, dell’Italia come Paese dell’anno, Draghi ha spiegato i punti chiave del successo del Paese. “Abbiamo conseguito tre grandi risultati. Abbiamo reso l’Italia uno dei paesi più vaccinati del mondo, abbiamo consegnato in tempo il Pnrr e raggiunto i 51 obiettivi. Abbiamo creato le condizioni perché il lavoro sul Pnrr continui. Il governo ha creato queste condizioni indipendentemente da chi ci sarà (alla guida, ndr): l’importante è che il governo sia sostenuto da una maggioranza come quella che ha sostenuto questo governo, ed è la più ampia possibile. E’ una maggioranza che voglio ringraziare molto”, ha detto Draghi. Che poi ha aggiunto: “La soddisfazione e la responsabilità sono categorie collettive” da ascrivere al “merito degli italiani”.

Inoltre, ha risposto a delle domande circa la situazione politica italiana, dalla maggioranza al suo futuro fino alla questione Mattarella. Al riguardo di quest’ultimo punto ha detto: “Il Presidente della Repubblica non è tanto un notaio quanto un garante. L’esempio del Presidente Mattarella è forse la migliore guida all’interpretazione del ruolo del Presidente della Repubblica: ha garantito l’unità nazionale, dalla quale è venuta una maggioranza ampia che ha sostenuto la forza di questo governo. Questo governo, sostenuto e protetto da una maggioranza ampia, ha cercato di fare il meglio possibile”.

A tal proposito, sul suo futuro invece e sulla corsa al Colle il Presidente del Consiglio ha aggiunto: “I miei destini personali non contano assolutamente niente. Non ho particolari aspirazioni di un tipo o dell’altro, sono un uomo, se volete un nonno, al servizio delle istituzioni”, dice Draghi rispondendo ad una domanda sul futuro dell’esecutivo. “La responsabilità della decisione -evidenzia- è interamente nelle mani delle forze politiche, non nelle mani di individui: sarebbe un fare offesa all’Italia, che è molto di più di persone individuali. La grandezza del Paese non è determinata da questo o quell’individuo ma da un complesso di forze, di persone e di sostegno politico che permettono di andare nella direzione giusta”.

Nella conferenza, poi, hanno trovato spazio altri argomenti come la riforma delle pensioni e del fisco, la scuola, gli infortuni sul lavoro, il caro bollette e i rapporti con l’Unione Europea. E’ stato dato spazio anche a TIM, entrata nell’orbita della francese KKK, su cui Draghi ha spiegato: “Occupazione, infrastruttura e tecnologia. Ora noi dobbiamo vedere quello che sta succedendo, perché ancora non è chiaro quello che sta succedendo ma la configurazione societaria che verrà creata o a cui si perverrà attraverso l’azione degli azionisti attuali o attraverso anche l’azione di governo dovrà permettere il raggiungimento di questi tre obiettivi”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.