Ruba alcolici e aggredisce il negoziante: arrestato per rapina

ANCONA – Nel tardo pomeriggio di ieri, giungeva al 113 segnalazione di una colluttazione in atto presso un esercizio commerciale del Piano.

Immediatamente portatesi sul posto, le Volanti intercettavano, mentre usciva frettolosamente dalla porta sul retro del negozio, un uomo che velocemente si dava alla fuga al pari di un maratoneta.

I Poliziotti  intervenuti , rallentavano la corsa della autovettura e mentre il capo pattuglia scendeva e iniziava a rincorrere il fuggitivo che, pur di scappare alla Polizia saltava anche tra una macchina ed un’altra, l’autista ripartiva velocemente e cercava di anticipare le mosse del “corridore” cercando di sbarrargli la strada.

Nel contempo giungeva presso l’esercizio commerciale un’altra pattuglia di Volante e a questi Poliziotti  il titolare dell’attività commerciale – un 30enne del Bangladesh, agitato e con gli abiti lacerati, raccontava l’accaduto : l’italiano, dopo aver consumato una bibita all’interno del locale, approfittando di un suo attimo di distrazione, aveva prelevato parecchie bottiglie di  alcolici dagli scaffali con l’intenzione di portarli via senza pagarli.

Il titolare non appena accortosi di quanto stava accadendo gli intimava più volte di lasciare le bottiglie.

Il malfattore, per tutta risposta, dopo aver affidato la refurtiva ad un complice che si affacciava dall’esterno e si dava a repentina fuga, raccoglieva da terra una bottiglia ed iniziava a colpire violentemente il negoziante, ripetutamente e in diverse parti del corpo.

Poi, non pago, lo afferrava per la camicia, strattonandolo tanto violentemente da strappargliela e scappava.

Durante il racconto durato alcuni brevi minuti i poliziotti che avevano rincorso il fuggitivo lo bloccavano e lo conducevano in Questura per gli accertamenti di rito.

Il rapinatore, C.L. classe 79,  con numerosi precedenti  di polizia veniva tratto in arresto per rapina e condotto presso il carcere di Montacuto a disposizione dell’A.G.

Il complice nelle ore più tarde veniva individuato e denunciato a P.L.

La refurtiva veniva recuperata salvo alcune che erano state consumate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*