Sbanca su Facebook l'arco illuminato di blu | | Password Magazine

Sbanca su Facebook l'arco illuminato di blu

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sarà stata la suggestione del colore o la condivisione di un tema particolarmente delicato, fatto sta che l’Arco Clementino illuminato di blu in occasione della giornata mondiale sull’autismo ha sbancato su Facebook. La pagina social media del sindaco Massimo Bacci, dove è stata data notizia dell’iniziativa, ha registrato nelle prime 24 ore oltre 15 mila visualizzazioni, avvicinandosi ai post più letti in assoluto da quando il primo cittadino ha aperto questo canale diretto con i cittadini.

“L’elevatissimo numero di condivisioni e di mi piace – ha commentato il Sindaco – sono testimonianza del diffuso senso di solidarietà verso i soggetti più fragili che anima la nostra comunità, ma anche dell’amore per Jesi da parte dei suoi concittadini che sono orgogliosi dei propri monumenti”.

Bacci ha ricordato nel suo messaggio come Jesi sarà probabilmente l’unico Comune delle Marche ad ospitare un centro per l’autismo, realizzato con risorse proprie “perché l’attenzione verso i soggetti più fragili – ha aggiunto – è una scelta di campo che ho voluto imporre fin dal mio primo giorno di Sindaco. Non è facile, perché le risorse sono sempre minori. Ma abbattendo sprechi e sacche di privilegi, siamo riusciti a fare in modo che i servizi sociali di questa città non venissero penalizzati, ma anzi migliorati. E con orgoglio ne vedo i risultati”.

Il sindaco ha anche anticipato i prossimi passi: “Ora l’Azienda Servizi alla Persona sta formalizzando la richiesta di autorizzazione all’apertura del centro per l’autismo alla Regione che dovrà poi dare il via libera e le risorse per la gestione. So bene che è una procedura burocratica estenuante e certamente non comprensibile dalle famiglie, verso le quali ho il massimo rispetto perché non posso neanche immaginare le difficoltà quotidiane che si trovano ad affrontare. Per questo ho deciso di convocarle nei prossimi giorni, per fare il punto insieme a loro della situazione e renderle parti attive in un progetto che vogliamo il più possibile condiviso”. Infine la promessa: “Ci manca poco per realizzare un altro bel sogno. E, statene certi, ci riusciremo anche stavolta. Insieme, come sempre”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.