Segnalata acqua di colorazione anomala a Senigallia, la risposta del comune

SENIGALLIA – In questi ultimi giorni, precisamente dall’8 agosto, molte sono state le segnalazioni, anche da Jesi e Vallesina, sullo strano colore dell’acqua del mare di Senigallia, probabilmente la meta più gettonata dai cittadini del nostro territorio per passare una giornata sotto l’ombrellone. Un colore marroncino che in certi momenti e in diversi punti, sembra colpire l’acqua.

Tuttavia, scrive in una nota il comune di Senigallia, sembra non esserci nulla di allarmante. Questo il comunicato: “A seguito della colorazione anomala di alcuni tratti del mare antistante la nostra città il 9 agosto 2018 i tecnici Arpam attivati dalla Capitaneria di Porto hanno eseguito campionamenti presso il litorale compreso tra Marina di Montemarciano e Senigallia.
Le analisi al microscopio hanno interessato la presenza, in alcuni tratti della costa, di una massiccia fioritura di Raphydophicea non tossica fibrocapsa japonica già riscontrata negli anni scorsi in estate.
Tale fioritura microalgale ormai tipica delle nostre acque è riscontrabile generalmente nei periodi estivi ed è caratterizzata da una manifestazione intermittente in relazione a condizioni meteo climatiche favorevoli (alte temperature e scarso idrodinamismo).
Il fenomeno inoffensivo per i bagnanti, tende a scomparire al mutare delle condizioni sopra citate.
L’amministrazione comunale è naturalmente attenta alla sicurezza dei turisti e dei cittadini che frequentano i 14 chilometri spiaggia di Senigallia e intende rassicurare sulla assoluta balneabilità del mare garantita come da indicazioni Arpam.
Si ringrazia il comandante Cristoforo de Giuseppe che si è attivato prontamente nei giorni scorsi attivando Arpam”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*