Le spiagge si preparano alla stagione: cartellonistica, divieti e vigilanza | Password Magazine
Festival Pergolesi

Le spiagge si preparano alla stagione: cartellonistica, divieti e vigilanza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Cartellonistica, distanze di sicurezza e vigilanza sono gli ingredienti per andare al mare quest’anno, a partire dal 29 maggio. 

Il Comune di Falconara ha disciplinato l’accesso alle spiagge libere, come emerso nella mattinata di oggi durante la riunione congiunta delle commissioni consiliari Urbanistica e Ambiente. Alla riunione, oltre ai consiglieri, hanno partecipato gli assessori all’Urbanistica Clemente Rossi e all’Ambiente Valentina Barchiesi. La regolamentazione seguirà quando disposto dalle linee guida della Regione Marche, che prevedono una distanza di 3,5 metri tra un ombrellone e l’altro e di 2 metri nel caso di teli da mare, sdraio o lettini. La mascherina sarà obbligatoria per percorrere i sottopassi e raggiungere l’arenile, così come per accedere negli chalet che sorgono lungo la spiaggia libera.

Mantenere la distanza di almeno un metro dalle altre persone, anche sotto l’ombrellone (il distanziamento fisico può essere derogato per le persone dello stesso nucleo familiare), lavarsi spesso le mani e utilizzare il gel disinfettante sono i diktat di questa stagione estiva. La doccia si raccomanda di farla subito dopo il bagno in mare e di lavare spesso il telo a 60 gradi. A Falconara, i cartelli con le indicazioni del comportamento da tenere, scritte in italiano e inglese, saranno corredati anche di illustrazioni. Saranno affissi in corrispondenza di ogni punto di accesso alla spiaggia (sottopassi e cavalcavia per il litorale sud, traverse di via Lungomare per la spiaggia di Rocca Mare) e installati anche lungo la spiaggia. La vigilanza sul rispetto delle regole sarà affidata alle autorità preposte. Gli uffici hanno già programmato la sanificazione due volte al giorno dei bagni pubblici disseminati lungo tutto l’arenile, della postazione della ex Piattaforma Bedetti per il soccorso in spiaggia e degli ascensori di Palombina Vecchia. Sono stati già sanificati e tinteggiati i sottopassi.
La spiaggia libera del litorale sud si estende per 49mila metri quadrati (comprese le aree pubbliche attrezzate), mentre è di 54mila quella di Rocca Mare.

Anche il Comune di Senigallia ha iniziato l’installazione lungo il litorale di cartelli bilingue, in italiano e in inglese, con le norme per l’accesso alle spiagge libere che entreranno in vigore dal 29 maggio.

«Vogliamo che le nostre spiagge libere – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – siano fruibili nella massima sicurezza e serenità da cittadini, turisti e visitatori. Le caratteristiche del nostro arenile, e in particolare gli ampi spazi a disposizione, consentono l’accoglienza di un numero significativo di bagnanti. Occorre però che questa presenza sia disciplinata e rispettosa di tutti gli utenti. La scelta che abbiamo fatto è stata quella di adottare poche ma inderogabili prescrizioni. Questo perché al di là dei controlli che le autorità preposte provvederanno a effettuare periodicamente, vorremmo che a regolamentare l’utilizzo delle spiagge libere fossero anzitutto la responsabilità e l’educazione di ciascuno».
Tra le disposizioni varate dall’Amministrazione comunale figurano il divieto di affollamento e l’obbligo di mantenere il distanziamento sociale interpersonale di almeno un metro in ogni situazione. Saranno vietati tutti i giochi di gruppo, mentre gli ombrelloni dovranno essere posizionati a una distanza di almeno cinque metri da un palo all’altro. Ciascuno di essi potrà essere utilizzato da una famiglia o da quattro persone provenienti da nuclei familiari diversi. Inoltre, lettini, sdraie e teli da mare dovranno essere posizionati a una distanza di sicurezza di almeno due metri.

Per garantire le massime condizioni di igiene e sicurezza, quest’anno non saranno installati i gazebo per il deposito delle attrezzature balneari, le quali, dunque, andranno rimosse dalla spiaggia durante l’orario notturno.
Ovviamente sarà vietato l’accesso a chi è sottoposto a provvedimento di quarantena, in presenza di sintomi influenzali o con temperatura corporea superiore ai 37,5°C. Non potrà entrare in spiaggia libera neanche chi proviene da aree di focolai epidemici segnalate dal ministero della Salute.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.