Serie Tv "Les Revenants", quando i morti ritornano | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Serie Tv "Les Revenants", quando i morti ritornano

In un gelido paese di montagna, dove la vita scorre lenta e quieta e la natura e rigogliosa, riappaiono molte persone morte, in ottimo stato e buona salute. E’ questo l’incipit della serie francese Les Revenants creata da Fabrice Gobert nel 2011 e diffusa a partire dal 2012 da Canal+ in Francia.

Riadattamento del film Quelli che ritornano di Robin Campillo uscito nel 2004, la serie è stata girata principalmente in Alta Savoia e sulle sponde del Rodano, atmosfere ideali per rendere un “mood” disincantato e perso nel tempo.

Camile e Simon, due giovani morti in incidenti stradali, Luois, un bambino muto assassinato da ladri e molti altri ritornano alle proprie vita come se nulla fosse successo, senza essere invecchiati e senza ricordare nulla.

 

La loro presenza crea strani fenomeni paranormali, che logicamente incutono timore al resto degli abitanti: “i ritornati” vorrebbero tornare alla loro esistenza e riprenderla da dove l’avevano lasciata, ignari della loro condizione e del fatto che, mentre loro non c’erano, la ruota della vita ha continuato a girare e ad andare avanti, nonostante tutto. La serie scandagli nel profondo il rapporto che i vivi hanno con la morte, i tentativi di superarla e rimuoverla, che in realtà non sono che mere auto-illusioni e inganni che i vivi si impongono per superare la morte degli altri. Un pensiero foscoliano disilluso e privo di reticenze ci mostra il valore della perdita, che in questo caso vale sia per i vivi che per i morti. Tutta quest’idea circolare del tempo è spiegata molto bene dalle immagini. Una sceneggiatura curata e particolare ci fa capire senza spiegarlo il senso che pervade la serie. Tutto è calato in una lugubre atmosfera fredda e cinica, ma anche difficilmente individuabile a livello geografico. Infatti un altro punto a favore sta proprio nell’internazionalizzazione delle ambientazioni, situate certo in Francia, ma volutamente intrise di quella cultura pop e globale che le confondono con tante altre, come a dire “non è successo qui, può succedere dovunque”.

Un modo astuto per superare il senso di impossibile che si crea nello spettatore che non si aspetta un determinato avvenimento in un determinato posto. Le narrazioni (serie tv, romanzi, film) degli ultimi anni hanno creato una sorta di provincia transnazionale, codificata e ben riconoscibile.

Non si può non parlare della colonna sonora, curata dai Mogwai, un gruppo post-rock scozzese che evidenzia gli snodi centrali e sottolinea l’atmosfera. Nel 2013 è uscito il disco con tutta la soundtrack della serie televisiva dal nome, appunto, Les Revenants, il quale ha riscosso già un ottimo successo in Francia, Svezia e Belgio.

La serie in Italia è quasi sconosciuta, sicuramente perchè non notata da chi dovrebbe osservare. Ma non è questo il momento per evidenziare, come abbiamo già fatto in passato, l’arretratezza voluta del palinsesto italiano, molto più impegnato a comprare format preconfezionati e “di sicuro guadagno” invece di investire per crearne nuovi. Ma si sa, nel nostro Paese la televisione è solo e soltanto generalista.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.