Posso venire a dormire da voi? | Password Magazine
Festival Pergolesi

Posso venire a dormire da voi?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Un interessante format francese dal nome “J’irai dormir chez vous” è in onda su rai 5.

Praticamente il protagonista, regista, sceneggiatore e cameramen francese Antoine de Maximy gira per il mondo con l’obbiettivo di dormire a casa di autoctoni  incontrati sul posto. Per fare ciò viaggia da solo, con tre telecamere posizionate una sulla spalla, l’altra mobile a mano, e l’ultima su un braccio poggiato su un’imbracatura che lo riprende costantemente in primo piano.

Antoine affronta con positività i suoi viaggi, documentando la vita e le culture dei paesi, gli ambienti familiari e tutte le vicissitudini locali che nei documentari a grande budget (e quindi grande troupe) non è possibile vedere. Nei suoi viaggi c’è sempre la sana imprevedibilità dell’avventura, l’improvvisazione di un tragitto non determinato, il senso del pericolo e della sorpresa. Capita infatti, come nello stato insulare della Repubblica di Vanuatu, nell’Oceano Pacifico meridionale, di aver a che fare con persone non proprio cordiali armate di machete, oppure ritrovarsi a dormire in Giappone con un uomo solo, paradigma dell’alienazione dopo la morte della moglie. Il messaggio positivo del suo programma è fondamentalmente il senso autentico del viaggio. Antoine de Maximy ci mostra come in realtà sia relativamente facile viaggiare, affrontando il mondo prima con la testa che con il fisico; ci mostra come in realtà “tutto il mondo è paese”, come l’ospitalità sia presente nelle complesse società civilizzate come nelle tribali.

Il messaggio arriva chiaro, ed è quello di intraprendere un viaggio interiore, che porta alla scoperta del mondo, che abbatte gli spazi e le barriere dei giudizi. La scelta di essere solo è poi emblematica. Sembra dirci infatti: “guardate, viaggio da solo e non può succedermi niente”. E forse è così. Cosa può succedere ad un cittadino del mondo che vuole visitare la sua terra? Antoine de Maximy propone una route per il mondo che esclude le strade “battute”, i percorsi “preconfezionati” dalle agenzie di viaggio, scelte dai turisti in vacanza. Il senso del rischio e dell’incertezza diventa fondamentale per l’esperienza. Disse una volta Tiziano Terzani: “non chiedere di avere una salute perfetta, sarebbe avidità. Fai della sofferenza la tua medicina, e non aspettarti una strada senza ostacoli. Senza quel fuoco la tua luce si spegnerebbe. Usa della tempesta per liberarti.” E’ l’esperienza, cari viaggiatori, che ci rende tempesta.

Giuseppe De Lauri

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.