Sicurezza partecipata, a Pianello Vallesina un incontro per sensibilizzare i cittadini | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Sicurezza partecipata, a Pianello Vallesina un incontro per sensibilizzare i cittadini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
FOTO: per gentile concessione di Roberto Torelli

PIANELLO VALLESINA – “Sala gremita e una partecipazione che è andata ben oltre ogni più rosea aspettativa con la presenza di numerosi cittadini interessati”. Così l’Amministrazione comunale di Monte Roberto sul convegno “Sicurezza partecipata” che si è svolto ieri mattina presso il Centro Polivalente di Pianello Vallesina con l’autorevole intervento del comandante della Compagnia dei Carabinieri di Jesi Magg. Benedetto Iurlaro alla presenza del sindaco Gabriele Giampaoletti, del vice Gabriele Marasca, il Maresciallo Sandro Troiano della Stazione dei Carabinieri di Moie – Maiolati Spontini e della cittadinanza. A moderare l’incontro l’assessore alla Cultura Liviana Pettinelli: “Obiettivo della mattinata di ieri era comprendere meglio quali sono i diritti dei cittadini in fatto di sicurezza e come prevenire le situazioni di pericolo –  ha detto l’Assessore – In un contesto di collaborazione con le Forze dell’Ordine, è stato possibile avviare una riflessione ampia ed utile sul tema della sicurezza urbana e di promuovere una forma di collaborazione con le Forze dell’Ordine nell’intento di tutelarsi da azioni criminose”. 

Si chiama sicurezza partecipata o condivisa dunque quella che vede attivo il cittadino nel segnalare situazioni sospette o a rischio al 112, cosicché i carabinieri  siano messi nelle condizioni di intervenire prontamente e in maniera efficace e risolutiva contro furti e truffe.

Foto per gentile concessione di Roberto Torelli

Il Comandante Magg. Iurlaro ha egregiamente spiegato, durante l’incontro, a tutti i presenti come questi appuntamenti siano importanti al fine di abbattere la barriera tra il singolo cittadino e Forze dell’Ordine nell’ottica di stabilire, tra le due parti, una comunicazione diretta ed efficace.

Ha poi illustrato il lavoro che i militari svolgono quotidianamente sul territorio: proprio per contrastare le attività criminose, la Compagnia Carabinieri di Jesi, attraverso tutte le sue componenti, ha intensificato i servizi serali e notturni, con sforzi notevoli per garantire la sicurezza. Nella zona di Monte Roberto e comuni limitrofi, di notte, gira sempre una pattuglia.

Consigli da seguire: mai fidarsi di chi vuole entrare in casa per fare controlli agli impianti, di chi chiede denaro in qualsiasi modo. Segnalare sempre situazioni, persone, auto, sospette.

Tra le varie domande del pubblico: che fare, in caso di ladro in casa, per difendersi. Su questo è intervenuto il vice sindaco e avvocato Gabriele Marasca: la legittima difesa deve essere sempre proporzionata all’offesa e sparare ad un ladro in fuga non si può. Ma si può arrestarlo, in flagranza di reato, quando sia «sorpreso all’interno della proprietà” e metterlo sotto chiave, fino all’arrivo delle Forze dell’Ordine. In questo caso non si incorre nel sequestro di persona.
E dal punto di vista dell’operato dell’Amministrazione in fatto di sicurezza, è del sindaco Gabriele Giampaoletti la notizia che circa 20 mila euro saranno destinati all’installazione di 12 telecamere di video sorveglianza sul territorio comunale, impianti che saranno d’aiuto alle Forze dell’Ordine, fornendo elementi utili alle loro indagini, e che faranno sentire i cittadini ancora più al sicuro.

Chiara Cascio | chiaracascio@leggopassword.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.