Carlo Urbani, all’ospedale servono primari: «Personale sovraffaticato»

JESI – Liste d’attesa, carenze di personale e la questione Pronto soccorso. Queste le criticità discusse lunedì pomeriggio alla Commissione Sanità indetta dal Comune di Jesi. Intorno al tavolo, consiglieri regionali, comunali e assessori, tecnici e vertici ASUR Area Vasta 2. Invitati anche i sindaci della Vallesina ma solo 3 dei 21 convocati hanno preso parte all’appuntamento: San Paolo di Jesi, Castelplanio e Cupramontana.
  «Ci sono criticità legate a pensionamenti e mobilità ma il percorso si sta concludendo – ha rassicurato la dottoressa Virginia Fedele, direttore del presidio ospedaliero – L’organico è stato implementato, tutte le prestazioni assicurate. Al massimo si tratta di risolvere un problema di sovraffaticamento».
A preoccupare gli amministratori locali, la situazione del reparto di Broncopneumologia e l’imminente  pensionamento di diversi primari tra cui il dott. Iantosca, dirigente del reparto di Gastroenterologia e Endoscopia, e del dott. Pirani, a capo dell’U.O. di Radiologia, il cui incarico sarà oggetto di concorso con pubblicazione a giorni. Anche Oncologia è senza primario mentre Neurologia attende la nomina del dirigente.
A questo si aggiunge la precarietà del personale che non garantisce la continuità di prestazioni di qualità.
 Il consigliere di Jesi in Comune Samuele Animali chiede maggiori garanzie sul rispetto della 194, punto su cui insiste anche l’assessora alla Sanità Quaglieri: «Sulla 194 posso dire che al Carlo Urbani ci sono solo medici obbiettori. Il non obbiettore veniva indirizzato in passato da Fabriano, ultimamente da Senigallia ogni quindici giorni. E’ qui che è prevista la parte finale del percorso, in questo momento di stop dovuta a ferie e pausa estiva» spiega la Fedele.
L’assessora Quaglieri chiede allora che punto si è sul Pronto soccorso, dopo che nei mesi scorsi il direttore Bevilacqua aveva prospettato un’ipotesi di ampliamento. E’ il dirigente dell’ufficio tecnico Claudio Tittarelli dell’Asur a rispondere: «Sono previsti alcuni interventi strutturali, di cui alcuni già eseguiti. In un futuro imminente, rivisiteremo l’interno, con miglioramento e ampliamento dei posti letto. Tenuto conto dell’identità dell’intervento, sarà indetta una gara di appalto per i servizi di ingegneria. Per autunno, prevediamo l’assegnazione dell’incarico mentre nel frattempo stiamo valutando nuove proposte di viabilità, con ampliamento di via Aldo Moro sulla sinistra e la realizzazione di un parcheggio esterno. In fase di appalto anche il rifacimento dell’illuminazione esterna del parco; procedono inoltre gli studi per il recupero della vecchia struttura del Murri, dove all’ultimo piano saranno previsti posti RSA».
Le risposte non soddisfano però la consigliera regionale M5S Romina Pergolesi, presente all’incontro insieme alla consigliera comunale Claudia Lancioni, già autrice di una mozione per sfiduciare Bevilacqua: «Sono solo favolette. Portateci un cronoprogramma degli interventi, con scadenze certe e azioni concrete. C’è un’evidente carenza di programmazione».
«Le liste d’attesa sono una vergogna» interviene il sindaco di San Paolo di Jesi Sandro Barcaglioni, trovando consenso nel Primo cittadino di Cupramontana Luigi Cerioni che punta il dito anche contro le problematicità del Pronto soccorso.
  «Un mese fa, alla conferenza dei sindaci, sono state presentate le linee del nuovo piano sanitario regionale – spiega il consigliere regionale del PD Enzo Giancarli – Ho proposto che la Broncopneumologia dell’Area vasta 2 faccia capo a Jesi. Viviamo in una città in cui se siamo all’altezza della sfida possiamo dire di contribuire in maniera concreta a tutta la sanità regionale, per la posizione e complessità dei servizi che fornisce. Dobbiamo porci come obbiettivo la conclusione, tra 4-5 anni, della fase di transizione e rodaggio, sia dal punto di vista tecnologico che strutturale che di organico». Parole anche sul vecchio Murri: «Non può rimanere in quella condizione, serve un completamento anche dal punto di vista del decoro. Va creato inoltre un collegamento tra Murri e Carlo Urbani per il futuro, per situazioni utili come le possibili Case della Salute». E sul vecchio ospedale di viale della Vittoria si attende l’ok della Soprintendenza: « La volontà della Regione per l’ex nosocomio inserita nel piano di recupero è la demolizione della palazzina, a meno che Jesi non chieda di salvarla».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*