Tigli di Viale Trieste, abbattimento tra le proteste - Password Magazine

Festival Pergolesi

Tigli di Viale Trieste, abbattimento tra le proteste

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nonostante l’ordinanza comunale di abbattimento, i tigli di Viale Trieste sono rimasti in piedi fino al primo pomeriggio. Stamattina (3 agosto) l’intervento è stato infatti impedito da un sit-in di protesta organizzato dal Comitato dei “Garanti del verde”.

Erano sul posto la Polizia locale, i Carabinieri e la ditta che avrebbe dovuto procedere ai lavori. Sin dalle 8 l’assessore all’ambiente Alessandro Tesei, raggiunto poi da altri consiglieri comunali, ha tentato invano di mediare con gli occupanti ribadendo i motivi della decisione di abbattimento.

Le persone presenti, identificate dalle forze dell’ordine, sono rimaste in prossimità dell’area. Se ne sono andati solo in pochi, tanto da portare alla decisione, verso mezzogiorno, di rimandare i lavori ad una prossima data.

I quattro esemplari arborei destinati all’abbattimento costituiscono la minima parte di quelli che inizialmente dovevano essere buttati giù. La questione infatti, sollevata nel marzo scorso, riguardava in principio ben dodici tigli. La tomografia della ditta Dendrotec di Monza, illustrata poi al Comitato dei Garanti del verde, ha confermato che il primo esemplare di tronco era totalmente cavo sin dalla base. In caso di caduta anche di un solo ramo, si sarebbe configurata una responsabilità diretta del personale dell’Area Servizi Tecnici del Comune.

Le proteste mosse contro il Comune sottolineano come i tigli in questione non siano più stati potati dal 2013, a differenza degli altri alberi del viale. Evidenziano inoltre che la perizia, affidata al professor Daniele Zanzi, non è stata presa affatto in considerazione. La decisione di abbattimento, sostengono i Garanti del verde, sarebbe «del tutto arbitraria e legata alla volontà di ampliare il terminal dei bus».

Secondo questo progetto i mezzi entreranno da Via 4 novembre, verrà creata una rotatoria e il giardino della stazione sarà cementato.

Il Comune di Jesi, in pronta risposta, ha dato il via nel pomeriggio di oggi all’abbattimento dei quattro esemplari compromessi e pericolosi, evidenziando come non sia mai venuta meno la volontà di confronto con la cittadinanza. Ha comunicato inoltre che «l’intervento verrà completato nel pieno rispetto della sicurezza pubblica», sulla base dei documenti ufficiali che attestano scientificamente la pericolosità degli alberi in questione.  L’Amministrazione comunale, nel suo comunicato alla cittadinanza ha ribadito inoltre «la piena disponibilità ad avviare un percorso condiviso, affinché il Viale della stazione possa rappresentare il punto di partenza per una nuova concezione della cura del verde cittadino».

 

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.