Spunta "crepa" al Mestica ma è un falso allarme. Domani riaprono le scuole, tranne il nido Cepi

JESI – Falso allarme per una presunta “crepa” spuntata sull’edificio del Mestica che poi, fortunatamente, crepa non era. Il panico si è diffuso in rete dopo la pubblicazione di foto sui social che ritraeva la scuola Mestica attraversata da quella che a occhio nudo appariva una crepa in prossimità del tetto. Allertati i vigili urbani, insieme ai tecnici del comune, accertavano che si trattava bensì di un filo di ferro penzolante.

Nel corso della mattinata si sono svolte le operazioni di verifica nelle scuole dell’obbligo (scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di 1° grado) e relative palestre.

Le verifiche effettuate dai tecnici hanno permesso di riscontrare che le scosse di terremoto non hanno provocato lesioni agli edifici scolastici della città.

Pertanto domani tutte le scuole di ogni ordine e grado saranno regolarmente aperte.

Solo l’asilo nido Cepi resterà chiuso per l’intera settimana per ulteriori approfondimenti e comunque fino a nuove disposizioni che saranno comunicate dalle insegnanti ai genitori.

Nell’ambito dei controlli sugli edifici pubblici, a scopo puramente precauzionale sono state liberate due stanze alla casa di riposo con gli ospiti trasferite in altrettante stanze disponibili nella medesima struttura.
L’Amministrazione comunale approfitta dell’occasione per ringraziare i cittadini che hanno accolto l’invito ad iscriversi alla App Municipium o a Telegram che restano, insieme ai canali social del Comune di Jesi (Facebook e Twitter) gli strumenti più immediati per ricevere informazioni di emergenza e comunicazioni immediate di Protezione Civile.
Dato l’elevatissimo numero di utenti iscritti che impedisce l’invio di comunicazioni in tempo reale, il servizio WhatsApp del Comune di Jesi resta sempre attivo ma per informazioni di servizio tradizionale.

 

(A lato la foto condivisa dai Social).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*