Stagione Lirica, teatro pieno per ‘Il Trovatore” di Verdi. Domani si replica - Password Magazine

Stagione Lirica, teatro pieno per ‘Il Trovatore” di Verdi. Domani si replica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Azucena (Carmen Topciu), Leonora (Marily Santoro) e il Trovatore Manrico (Gaston Rivero). Foto Stefano Binci

JESI – Grande successo per la prima di venerdì 21 ottobre della 55^ Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi con “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi, dramma in quattro parti di Salvatore Cammarano. L’opera, in replica domenica 23 ottobre alle ore 16, è una nuova produzione della Fondazione Pergolesi Spontini con la direzione artistica di Cristian Carrara, in collaborazione con Teatro Sociale di Rovigo, Teatro Comunale “Mario del Monaco” di Treviso e Fondazione Teatro Coccia di Novara. La regia è curata da Deda Cristina Colonna, scene e costumi da Domenico Franchi, mentre il Maestro Francesco Rosa dirige la FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana e il Maestro Riccardo Serenelli il Coro Lirico Marchigiano “V.Bellini”. Leonora è interpretata dal soprano Marily Santoro, Manrico il Trovatore dal tenore Gaston Rivero, il Conte di Luna dal baritono Jorge Nelson Martìnez Gonzàlez, Azucena dal mezzosoprano Carmen Topciu; il basso Carlo Malinverno è Fernando, il soprano Brigida Garda Ines, Francesco Marsiglia Ruiz, Gianni Paci è un vecchio zingaro e Alessandro Pucci un messo.

2449D85D-D607-4C77-8AFE-61DE70EA8E5A
Il Trovatore Manrico (Gaston Rivero), Azucena (Carmen Topciu), il Conte di Luna (Jorge Nelson Martinez Gonzalez)

Il Trovatore è un’opera che si svolge di notte, l’ultima notte del Medio Evo, in cui l’animo umano è consumato dalle superstizioni, dall’ignoranza e dai sentimenti di vendetta, ed è ambientata nel XV secolo. Motore della vicenda è la vendetta che pesa sull’animo di Azucena, mentre uno dei personaggi fondamentali è Leonora, giovane e inesperta nella gestione dei sentimenti provati e per Manrico, un personaggio che evolvendosi sceglierà la morte come alternativa matura alla realtà sconfortante di sposare il rivale di Manrico, il Conte di Luna. Manrico antepone all’amata Leonora la madre Azucena rinchiusa in carcere, stabilendo la priorità del proprio ruolo di figlio. «Questa presa di consapevolezza [di Leonora] traccia l’inevitabile cammino verso la morte volontaria – la regista Deda Cristina Colonna– vittima della notte del cuore, dominata dal conflitto tra l’amore barbaro ed appassionato del Conte ed il sentimento immaturo e deludente di Manrico. Nel finale dell’opera, la rappresentazione di una ‘pietà’ in cui Azucena regge il cadavere di Leonora, con il Conte di Luna disperato ai suoi piedi celebra l’alba in cui la luce della verità inaugura il riscatto dell’uomo dalla notte dell’ignoranza e della menzogna». Il passaggio dalla notte dell’ignoranza all’alba viene rappresentato dalle scenografie curate da Domenico Franchi, ispirate dalla pittura quattrocentesca di Piero della Francesca e Beato Angelico, in cui oscurantismo e metafisica vengono costantemente bilanciati. Spiega la regista Deda Cristina Colonna: «Lo spazio di ispirazione quattrocentesca si pone come contesto in cui iscrivere proprio questa laboriosa e dolorosa, in fondo ed ovviamente tutta romantica ricerca della verità, intesa come armonizzazione degli opposti. Lo spazio contiene le evoluzioni di corpi danzanti in porzioni rigorosamente simmetriche ed in coreografie tese alla ricerca dell’armonia tra gli opposti».

Il cartellone lirico continua venerdì 4 novembre ore 20.30 e domenica 6 novembre ore 16, con anteprima giovani giovedì 3 novembre ore 16, con una nuova produzione dell’opera “I Capuleti e i Montecchi” di Vincenzo Bellini, diretta da Tiziano Severini, la regia è di Stefano Trespidi. Venerdì 25 novembre ore 20.30 e domenica 27 novembre ore 16, con anteprima giovani mercoledì 23 novembre ore 16, la prima mondiale dell’opera contemporanea “Delitto all’isola delle capre” con musica di Marco Taralli dal dramma in tre atti del poeta e drammaturgo Ugo Betti e su libretto di Emilio Jona; la direzione è di Marco Attura, la regia è di Matteo Mazzoni. Si chiude venerdì 16 dicembre ore 20.30 e domenica 18 dicembre ore 16 anteprima giovani giovedì 15 dicembre ore 16, con “Tosca” di Giacomo Puccini, nella direzione di Nir Kabaretti e regia di Paul Emile Fourny. Per tutta la durata della Stagione Lirica, nell’atrio del Loggione del Teatro Pergolesi vengono esposti i disegni dei bambini e delle bambine che hanno partecipato al laboratorio “C’era una volta… un castello, un balcone, un pozzo, un pittore”, e da cui ha preso ispirazione la campagna di coinvolgimento e di comunicazione della Stagione Lirica 2022. L’allestimento è realizzato da tre studenti di scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Macerata (Luca Luchetti, Teresa Marinucci e Francesca Zu), è visitabile gratuitamente fino al 18 dicembre dal lunedì al sabato dalle 17 alle 19.30. Per le vie del centro storico, c’è “Musica nell’Aria. Sinfonie ed ouverture open air”, in collaborazione con il Comune di Jesi, dalle ore 19 alle ore 19,30 nella settimana del debutto delle opere in cartellone, per diffondere i brani più celebri, attraverso il sistema di filodiffusione comunale. La stagione lirica del Teatro Pergolesi è organizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini con il sostegno di Ministero della Cultura e Regione Marche, Soci Fondatori Comune di Jesi e Comune di Maiolati Spontini, Partecipante Aderente Comune di Monsano, Partecipante Sostenitore Camera di Commercio delle Marche, con il patrocinio di Consiglio Regionale delle Marche. Educational Partner Trevalli Cooperlat, sponsor P.S. Medical Center e sponsor tecnico Miriam Montemarani.

 

A cura di Chiara Petrucci

 

 

 

 

 

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.