Statuto comunale, si accende il dibattito all’incontro pubblico: «L’art. 4 non si tocca»

JESI – Statuto comunale, partecipato e acceso l’incontro pubblico di ieri sera a Palazzo dei Convegni. L’assemblea, indetta dall’Amministrazione comunale, è servita ad illustrare la nuova proposta di modifica invitando la città al dibattito.

Piena la sala del Palazzo dei Convegni, dove il sindaco Massimo Bacci, il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi e il coordinatore del gruppo di lavoro sullo Statuto Tommaso Cioncolini hanno illustrato le novità.

Tra queste, c’è l’introduzione di un articolo 1 da 13 commi che, in tema di «Principi e finalità»  andrà a sostituire il vecchio articolo 4 con 3 commi e 15 lettere, assumendo da un lato un respiro «più europeista», come ha spiegato Cioncolini, e dall’altro ponendo l’accento su «le radici della città e del territorio» . All’interno, appare anche il riferimento al titolo di  «città regia», espressione intesa in chiave di valorizzazione e promozione turistica della città. La proposta di modifica dello Statuto introduce poi nuovi strumenti di partecipazione politica come i comitati di quartiere, “Questions Time con i cittadini” per la presa in carico di petizione e istante,  l’istituzione della consulte e l’insediamento di un consigliere giovane aggiunto.

Terminata la fase illustrativa della proposta, si è acceso il dibattito in sala. A chiedere la parola rappresentanti dell’Anpi, associazioni, consiglieri comunali, cittadini. Seppur reintrodotti i termini «resistenza» e «antifascismo», inizialmente cancellati dalla prima bozza e poi ripristinati, non convince l’Anpi l’eliminazione dell’art. 4 che si interroga: «Perché togliere l’Art.4?». 
Se per l’Amministrazione il nuovo Art. 1 appare più innovativo e reinterpreta meglio i tempi attuali, anche l’ex sindaco Gabriele Fava crede sia necessario ripristinare il vecchio 4 perché «più rappresentativo dello spirito della città». Fava non si lascia sfuggire neanche l’occasione per affrontare il discorso della «città regia»,  espressione «non riconosciuta dall’araldica» e che per lui andrebbe sostituita con «città federiciana» se pensata nell’ottica del turismo.  All’attacco anche la consigliera del PD Emanuela Marguccio che, coinvolta nel gruppo di lavoro, ha precisato che «i lavori dovevano riguardare la parte tecnica senza mettere mano ai principi generali»  e che poi «c’è stata una accelerazione dei ritmi quando invece sarebbe stata opportuna una maggiore partecipazione della città».

Posizione sostenuta anche dalla consigliera Agnese Santarelli di Jesi in Comune che ha ribadito l’importanza di ripristinare l’art. 4 e di istituire un percorso partecipativo migliore prendendo spunto dall’iter amministrativo che l’ex sindaco Girolimini avviò nel 1991 quando per la prima volta si mise mano allo Statuto comunale. Insomma sulla questione va bene  «il dibattito senza limiti e a non a breve scadenza» ha sottolineato il consigliere comunale Lorenzo Fiordelmondo (PD). La serata si è conclusa in un clima generale di tensioni, con il sindaco Massimo Bacci che per ultimo ha preso la parola: «Il Comune con lo statuto definisce il proprio ordinamento mentre stasera ho sentito solo parlare di ideologie». Poi si è rivolto agli ex amministratori intervenuti e ai consiglieri d’opposizione che, pur avendo preso parte ai lavori, hanno manifestato perplessità: «Non si fugge dalle responsabilità».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*