Sversamento, il sindaco ha firmato un'ordinanza per la bonifica dell'area | | Password Magazine

Sversamento, il sindaco ha firmato un’ordinanza per la bonifica dell’area

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Il sindaco di Maiolati Spontini Umberto Domizioli ha firmato questa mattina un’ordinanza per la bonifica dell’area nella quale è avvenuto uno sversamento di un quantitativo rilevante di digestato, su un terreno in via Monteschiavo, da parte di un privato proprietario della centrale biogas situata nel comune di Castelbellino. Privato che fra l’altro già in passato si era reso protagonista di un episodio analogo. In particolare il sindaco ordina ai titolari dell’impianto di “asportare i vari cumuli di terreno interessati allo sversamento di digestato e di bonificare in tale modo tutta l’area”. Tutto ciò entro il termine massimo di dieci giorni. Oltre a questo, nell’ordinanza il sindaco “invita i proprietari dell’impianto a verificare ed eventualmente dichiarare se sono state fatte operazioni analoghe in altre zone del territorio comunale”. Le aree autorizzate per lo spandimento del digestato, secondo le modalità previste dalle normative, si estendono per circa 131 ettari e comprendono diversi comuni, da Jesi fino a Matelica e Fabriano, passando per la Media Vallesina.

Al di là dell’ordinanza, il sindaco Domizioli lancia anche una sorta di appello ai colleghi primi cittadini dei Comuni interessati affinché, in futuro, facciano tutto quello che è nelle loro possibilità per verificare che vengano rispettate le modalità di spandimento del digestato.

Quanto è successo spinge, inoltre, a una riflessione. “La produzione di energia alternativa è sempre un fatto positivo – dice il sindaco – ma quando questa attività è in mano a soggetti privati, non sempre e non per forza sensibili alla tutela ambientale, si possono purtroppo verificare anche episodi come quello che è accaduto nei giorni scorsi”.

Un fatto, quello legato alla centrale biogas di Castelbellino, “molto grave e intorno al quale ci saremmo aspettati una presa di posizione più decisa e più ampia rispetto al quasi silenzio di tutti coloro che in passato non si sono risparmiati per evidenziare l’impatto ambientale della discarica. Un impianto, quella della Cornacchia, gestito da una società pubblica, la Sogenus, nel rispetto delle regole e anche di più, che non è stato mai toccato da episodi di questa gravità”.

Il sindaco coglie l’occasione anche per confessare il proprio rammarico rispetto al fatto che il comune di Maiolati Spontini sia stato presentato sia come luogo dove è avvenuto lo sversamento ma anche come origine dello stesso, collocando la sede della centrale biogas nel suo territorio e non, come è stato poi rettificato, in quello di Castelbellino. Ma nel frattempo l’impatto che ha avuto la notizia ha messo in dubbio ancora una volta l’attenzione per la tutela del territorio che invece è alla base dell’operato di tutta l’Amministrazione comunale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.