Università degli Adulti Vallesina, inaugurato l'Anno accademico | Password Magazine

Università degli Adulti Vallesina, inaugurato l'Anno accademico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – “C’è una preoccupante consonanza fra il momento attuale e l’estate del 1914. Oggi, come allora, c’è una spaventosa sottovalutazione della gravità dei problemi, rappresentati, adesso, dalla crisi mediorientale e dall’evoluzione in corso nel mondo arabo islamico”. Lo ha detto ieri (domenica 12 ottobre) Marco Grandi, professore emerito dell’Università di Genova, durante la lectio magistralis dal titollo “La belle epoque finisce a Sarajevo”, che ha aperto, alla biblioteca La Fornace di Moie, il decimo anno accademico dell’Università degli adulti dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina. A seguire l’intervento del professore e avvocato, originario di Corinaldo, una platea numerosa, alla quale Grandi ha rivelato di essere il nipote di Domenico Grandi, il ministro della Guerra del Regno d’Italia costretto a dimettersi, mentre era presidente del Consiglio Antonio Salandra, perché contrario all’entrata in guerra. Davvero interessante e apprezzata la lezione del docente universitario, che ha anche letto la lettera con cui il nonno, seguace di Giolitti, rassegnava le dimissioni.

Temi, il Novecento e la Grande guerra, al centro del nuovo anno accademico, i cui contenuti sono stati illustrati dalla presidente dell’Università degli adulti Letizia Saturni, che prima ha ringraziato gli iscritti dell’ateneo, gli 88 docenti volontari, il nuovo presidente Mirco Brega e la giunta dell’Unione. Un grazie particolare la Saturni lo ha rivolto ai membri del direttivo dell’associazione. Sia quello attuale che il primo, che aveva aperto i corsi nel novembre del 2005 e vedeva come presidente Folco Fioretti e come ideatore del progetto, insieme al compianto Aldo Lorenzetti, anche Gabriele Giampaoletti. E proprio il sindaco di Monte Roberto, nonché assessore alla Cultura dell’Unione dei comuni della Media Vallesina, ha preso la parola per portare il saluto dell’Istituzione sovracomunale e augurare un anno intenso e fruttuoso ai tanti iscritti all’università.

Le lezioni prendono avvio già da questa settimana, nelle sedi di Villa Salvati di Pianello Vallesina e del Centro comunale 6001 di Moie. Le attività curricolari seguono alcuni filoni principali: dalla letteratura europea alla storia delle Marche, dalla musica alle scienze, dalla storia dell’arte alla salute. Partiranno subito alcuni dei corsi più seguiti come quelli base e medio di inglese e quello base di spagnolo. Fra i laboratori, oltre alle lingue, fra cui il cinese, anche l’informatica e, da quest’anno, “Allena … mente”, dedicato al bridge. Una parte importante dell’attività è stata intitolata “Andare per conoscere” e prevede uscite, mostre, escursioni, passeggiate nella natura. La prima è in programma il 26 ottobre nel parco San Bartolo, nel pesarese.

La Saturni ha congedato la folta platea con lo slogan scelto quest’anno per l’università: “La mente è come un paracadute: funziona solo se si apre”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.