"Uno sconosciuto ha preso in braccio mia figlia", l'allarme di una mamma fa il giro dei social | | Password Magazine

"Uno sconosciuto ha preso in braccio mia figlia", l'allarme di una mamma fa il giro dei social

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Fate attenzione, vegliate sui vostri figli perché basta davvero un secondo per perderli”. Questo l’appello di una mamma di Jesi rimbalzato sui social fino a raggiungere un elevatissimo numero di condivisioni. Al centro, una preoccupante vicenda che avrebbe riguardato la sua famiglia:” Erano circa le 18.30 di un martedì pomeriggio e stavo passeggiando lungo Corso Matteotti con mio marito e le nostre due figlie di 10 e 2 anni – racconta la mamma – Ci siamo fermati a chiacchierare con degli amici mentre le piccole continuavano a giocare e a rincorrersi spingendosi a qualche metro da noi ma sempre sotto il nostro occhio vigile”. Un pomeriggio tranquillo dunque, di routine, se non fosse per quanto accaduto successivamente: “All’improvviso sono arrivati due sconosciuti, un uomo alto e robusto, con i baffi, sulla quarantina direi, insieme ad un ragazzo più giovane. Dalla carnagione non mi sembravano italiani ma non è questo il punto: conosco tanti stranieri che sono persone perbene  – racconta la mamma – Come se niente fosse, l’uomo più adulto ha preso in braccio la bambina di 2 anni, lasciando tutti noi di stucco. Intanto continuava a camminare, allontanandosi da noi, in direzione opposta: mentre era di spalle, la piccolina spariva nascosta dietro l’enorme corporatura dell’uomo che la teneva in braccio”.

Per fortuna, il papà avendo visto tutta la scena ha subito inseguito i due, chiedendo di mettere giù la bimba.  “L’uomo ridendo, quasi a prenderci in giro, allora l’ha fatta scendere – racconta la mamma – Per fortuna non è accaduto nulla e mia figlia è tornata tra le mie braccia. Ci siamo rivolti però ai Carabinieri per una segnalazione”. Tantissimi i genitori, gli amici e i conoscenti che, avendo appreso la notizia dai social, hanno avuto parole di solidarietà e di amicizia per la giovane mamma. Poi precisa: “Non voglio creare allarmismi né puntare il dito contro gli stranieri visto che abitiamo in zona San Savino e vivo quotidianamente a contatto con famiglie di immigrati con cui c’è davvero un buon rapporto di convivenza e rispetto reciproco. Il mio è un appello ai genitori: non sappiamo cosa sarebbe accaduto se non avessimo fermato quell’uomo ma tenete d’occhio comunque i bambini perché basta un attimo che può succedere il peggio, anche in una città tutto sommato tranquilla come la nostra”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.