Virus, i sanitari che assistono i malati: «Sono pazienti che segnano l'anima» | | Password Magazine
Banner4Baffi

Virus, i sanitari che assistono i malati: «Sono pazienti che segnano l’anima»

ANCONA – «Coronavirus, la gente muore sola». Lo ripete, con disperazione, una donna medico operativa in uno dei reparti Covid della provincia di Ancona. Il suo messaggio è rimbalzato sui social e descrive l’aspetto più tragico forse di questa pandemia: una parte l’isolamento del paziente, dall’altro il dolore delle famiglie.

«I familiari piangono disperati al telefono perché vogliono salutare i loro cari prima dell’intubazione» sono le parole della dottoressa. Se il paziente muore, non c’è neanche possibilità per i parenti di dire addio alla salma: «Ci sono giovani – aggiunge la dottoressa – con polmoniti spaventose che peggiorano velocemente, i turni di lavoro sono infiniti e soprattutto c’è carenza, se non assenza totale, di dispositivi medici adeguati all’emergenza. Noi tutti bardati e con le piaghe in faccia: un incubo che ricorderò a vita».

Anche un’infermiera di Jesi in uno sfogo ha descritto il dramma vissuto in questi giorni. Ogni giorno va a lavoro con la tuta e la maschera protettiva che le segna il volto: «Lavorare vestiti in questo modo, non ci permette di grattarci il naso o la fronte, né di bere per più di otto ore, né di fare pipì fino a fine turno – racconta – Nonostante tutto ciò sia difficile, la sofferenza più significativa è quella di vivere il dramma personale dei pazienti». L’infermiera racconta come i contagiati da coronavirus cercano la mano di un loro caro, soprattutto quando sentono di non farcela più: «Proviamo a dar loro conforto con una parola detta con la voce ovattata dalla mascherina o con una carezza offerta con doppio paio di guanti – spiega la giovane -. Nel nostro reparto arrivano pacchi che contengono vestiti di ricambio accompagnati da bigliettini con parole di vicinanza da parte dei familiari. I malati Covid-19 si fanno bastare questo per sentirsi meno soli». C’è poi chi chiede se qualche familiare abbia telefonato, chi prega, chi non si arrende. «Questi pazienti non sono solo un numero sul bollettino – afferma l’infermiera – sono mogli, mariti, madri, padri, figli malati e lontani dai propri affetti. Sono persone complesse, fragili e speciali che lasciano segni profondi nell’anima di chi li assiste. Fermiamo i contagi e seguiamo le direttive, evitiamo questa sofferenza a quanti più possibile». Infine aggiunge, commentando il suo sfogo: «Dicono che siamo eroi ma noi facciamo solo il nostro lavoro. Ciò che dispiace è terminare il turno straziati fisicamente ed emotivamente mentre fuori c’è ancora chi non prende sul serio questa pandemia».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.