A Jesi parata di star della scherma per i successi al Mondiale - Password Magazine

Festival Pergolesi

A Jesi parata di star della scherma per i successi al Mondiale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La conferenza del Club scherma in Comune
La conferenza del Club scherma in Comune

JESI – C’erano quasi tutti. Il ct Stefano Cerioni, la medaglia d’argento Tommaso Marini, l’allenatrice Giovanna Trillini, il presidente del Club scherma Jesi Maurizio Dellabella e il sindaco Lorenzo Fiordelmondo. E seduta in seconda fila, Elisa Di Francisca. Mancava – purtroppo – Alice Volpi, campionessa del mondo di fioretto femminile. Ma nella sala del consiglio comunale di Jesi per nessuno sono mancati applausi e complimenti. Il Club scherma infatti ha riunito in Comune tutti i protagonisti del fioretto jesino per celebrare i protagonisti degli ultimi successi ai Mondiali di scherma del Cairo andati in scena una settimana fa. Un’occasione per omaggiare una tradizione made in Jesi che anche nel post Covid si conferma vincente. Un laboratorio nella valle dell’Esino che, da quelle Olimpiadi di Los Angeles 1984 con l’oro di Cerioni, quando si parla di scherma non è mai sceso dal podio.

Dopo il saluto del sindaco Fiordelmondo che ha ringraziato «ancora una volta gli atleti per onorare Jesi nel mondo» essendo importante «che i personaggi legati allo sport e che portano il nome della città all’estero siano anche persone così integrate nella comunità, così jesine», il ct Cerioni racconta: «Abbiamo una gran dedizione al lavoro e a rimanere sempre in alto, provando a fare meglio degli altri. Ezio Triccoli, che aveva sempre la testa sul lavoro, in questo ci ha dato la spinta e ha lasciato in noi qualcosa che è servito per andare avanti cercando di migliorarsi. Andiamo avanti anno dopo anno per portare a casa sempre più medaglie». Lo jesino parla anche del suo ritorno come allenatore della nazionale italiana di scherma: «E’ stato molto bello, ho trovato un ambiente volenteroso di risultati per tornare ai livelli di prima. C’è sempre molto lavoro da fare».

Il sindaco Fiordelmondo e la schermitrice jesina Elisa Di Francisca
Il sindaco Fiordelmondo e la schermitrice jesina Elisa Di Francisca

Parola poi a un’altra jesina autrice di importanti pagine di sport nazionale e internazionale, Giovanna Trillini, oggi nello staff della Nazionale con Cerioni. La campionessa, vincitrice di 16 ori in carriera, ha raccontato i due nuovi volti della nazionale di scherma, Tommaso Marini e Alice Volpi: «Tommaso ha fatto un gran lavoro, si è impengato sempre tantissimo. Anche dopo l’argento ai Mondiali, in un momento in cui era un po’ deluso, gli ho detto di godersi il momento perché nonostante tutto era comunque un traguardo fondamentale e che ricorderà in futuro. Per Alice il discorso è diverso: ci mette di più per lavorare e va stimolata, ha avuto un brutto infortunio prima degli Europei dove, comunque ha conquistato una medaglia importante. Purtroppo al Mondiale ha pagato tantissimo la tensione e ora con questo nuovo tipo di lavoro e allenamento la riporteremo a vincere trofei importanti».

Si unisce al coro anche il preparatore atletico Annalisa Coltorti: «Con me i ragazzi lavorano molto, c’è tanto sudore. Tommaso è un ragazzo forte, ha un gran senso del dovere. Devo dire che si è impegnato molto anche nella gestione della pressione e dell’ansia. Al Cairo, dopo ogni attacco mi ripeteva di essere tranquillo, di essere sciolto».

Lo conferma lo stesso Marini, che spiega: «Nonostante la competizione, questo rimane comunque uno sport ed è importante divertirsi. Ho imparato a lavorare su me stesso e a rilassarmi per evitare problemi con la tensione. Per me questo è stato un anno molto positivo. Devo ringraziare i miei allenatori: senza di loro questo non sarebbe stato possibile. Adesso mi rilasserò e staccherò con un po’ di vacanza e poi tornerò a lavorare per rinsaldare il primo posto nel ranking italiano maschile».

Infine una battuta del presidente Maurizio Dellabella sui lavori al Palazzetto della scherma: «Abbiamo grandi aspettative, sarà un centro federale. Vogliamo potenziare l’offerta formativa e lanciare sessioni di lavoro con degli atleti provenienti dall’estero. Per i lavori sono arrivati fondi importanti. Vogliamo fare un gran lavoro».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.