A Moie, la 6° Festa provinciale dei Nonni | | Password Magazine
Festival Pergolesi

A Moie, la 6° Festa provinciale dei Nonni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Nell’ambito del progetto di Obiettivo Famiglia Federcasalinghe Marche “Gli anziani una risorsa. Un’enciclopedia vivente da valorizzare e ascoltare” sabato 17 ottobre p.v. si festeggeranno i nonni.

Per il sesto anno consecutivo Obiettivo Famiglia Federcasalinghe Marche organizza la Festa Provinciale dei Nonni che riscuote sempre molto successo di partecipazione. Come ogni anno verranno premiate cinque coppie di nonni.

La serata avrà inizio alle ore 21 nella sala comunale 6001 di Moie (An) con la collaborazione dell’Unitalsi.

L’animazione musicale sarà affidata all’orchestra spettacolo “Moulin Rouge” . A tutti i partecipanti verrà offerto un ricco buffet.

Per prenotazione tavoli si consiglia di chiamare, ore pasti, a 0731.720395 o 338.2327701

Il progetto “Gli anziani una risorsa. Un’enciclopedia vivente da valorizzare e ascoltare” ha l’obiettivo di far apprezzare l’anziano e i valori che esso trasmette. Data la longevità che sta caratterizzando il nostro Paese la presidente regionale dell’associazione Maria Elvira Conti Fabbri durante la serata chiederà al sindaco di Maiolati Spontini Umberto Domizioli come sta evolvendo il progetto proposto l’associazione per la realizzazione di un centro diurno nella ex scuola elementare di Moie (An) nella Media Vallesina. Da sei anni infatti l’associazione porta avanti la proposta di un centro diurno proprio a Moie perché la ex struttura della scuola elementare Martin Luter King si presta, soprattutto per la caratteristica della centralità, ad accogliere gli anziani durante la giornata. “Siamo convinti che la solitudine sia la peggiore malattia mentre lo stare insieme condividendo momenti ricreativi, culturali e conviviali siano la miglior prevenzione per depressione e quindi di malattie degenerative. La sera i nonni e le persone anziane devono stare in famiglia perché l’affetto di una semplice carezza e di un sorriso possono fare la differenza. Se l’anziano sta bene questo risulta essere un vantaggio anche per i nipoti, per la famiglia e per tutta la collettività”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.