Astralmusic

Anche a Jesi arriva la campagna choc contro l’aborto

Astralmusic

JESI – Fa tappa anche a Jesi la campagna choc di ProVita onlus per ricordare che esistono alternative all’aborto.
Sul sito dell’associazione, la campagna è descritta come la più grande campagna Pro Life della storia d’Italia con camion vela e manifesti in 100 Province “per ricordare il fallimento della legge 194”.

“Cartelloni con l’immagine di un bambino, non di un grumo di cellule – si legge in una nota stampa –  Immagini forti, solo perché ritraggono la realtà, ignorata o falsificata: un essere umano è già formato a nemmeno tre mesi di vita”.

Messaggi diversi: da Non sono un fatto politico, non sono un’invenzione della Chiesa. Sono un bambino, guardami, a quelli già presenti nei maxi manifesti affissi in molte città italiane, come risposta all’assurda censura del sindaco di Roma, Virginia Raggi: Tu eri così a 11 settimane. Tutti i tuoi organi erano presenti. Il tuo cuore batteva già dalla terza settimana dopo il concepimento. Già ti succhiavi il pollice. E ora sei qui perché la tua mamma non ha abortito.

Lo stesso messaggio gira in vela anche a Jesi, ieri trovava luogo nei pressi dell’Arco Clementino: “Sai perché 7 ginecologi su 10 si rifiutano di praticare l’aborto? Ora lo sai”.

Una campagna che ha suscitato polemiche e indignazioni, con tanto di richiesta di rimozione affinché messaggi simili non “girino liberamente”. Questa la posizione di UDI Jesi: “Esiste una legge, la 194 del 1978, che ha ridotto il numero delle interruzioni di gravidanza e il numero delle morti delle donne per aborto clandestino. Esiste l’Art. 656 del codice penale che vieta “la pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico. Anche ad Ancona ha fatto la comparsa questo manifesto che è una somma di ignoranza, violenza ed oscenità inaudite. Chiediamo che venga immediatamente rimosso”.

 

5 Commenti su Anche a Jesi arriva la campagna choc contro l’aborto

  1. Beh cmq qst non sono “notizie fa la e tendenziose” , ma piuttosto PURE REALTÀ fotografate, perciò non punibili e libere di circolare su tutto il territorio italiano dove vige ancora la libertà di pensiero, di parola e dimostrazione : le per don intelligenti le accettano, pur pensando magari diversamente.
    La legge 194 si è avuta proprio grazie alla LIBERTÀ di PENSIERO

    • Bravissima. In un paese con menti AUTENTICAMENTE libere si dovrebbe ragionare così. Altrimenti è solo opportunismo e ipocrisia.

  2. “Ignoranza, violenza e oscenità”. Questa poi. Ne ho letti tanti di commenti ideologici sull’argomento, ma questo forse li supera tutti. Un condensato di rifiuto istintivo e non ragionato di immagini che disturbano. Potrebbero invece chiedersi sinceramente perché disturbano, è sempre una buona domanda da farsi.

  3. L’aborto clandestino che giustifichi la 194 !!?
    È come dire: siccome con la rapina ci può scappare il ferito, lasciamo che si possa rapinare fino a certi importo o lasciamo che si corrompa fino a certi livelli e così via. 🚩 Perché lo stato sull’aborto clandestino ha rinunciato a fare il suo dovere da gendarme?? non poteva fare anche con esso tutto quello che fa per gli altri reati come intercettazioni telefoniche ed altre sofisticate indagini ? perché non l’ha fatto ? La contropartita è aiutare economicamente la donna in difficoltà invece di a spendere soldi per sopprimere esseri umani e mai dire che la prevenzione è la contraccezione: la contraccezione è abortiva e ne spedisce all’aldilà molti ma molti di più dell’aborto!

  4. Quello che dice il manifesto è la pura verità. L’aborto non è un diritto, non è una conquista, è l’eliminazione di un essere umano ( o qualcuno dice che è soltanto un feto), di una vita.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*