Castelbellino, svincolo SS76: c'è il progetto per la rotatoria | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino, svincolo SS76: c’è il progetto per la rotatoria

Il risultato ottenuto da un comitato di residenti con il supporto del legale rappresentante avv. Federica Carbonari

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto Google

CASTELBELLINO – Un nuovo progetto per la messa in sicurezza dello svincolo di Castelbellino. A darne notizia è Federica Carbonari, all’opposizione in Consiglio come capogruppo di Ritroviamo Castelbellino ma anche legale che ha seguito le pratiche avviate dal comitato spontaneo dei residenti di Contrada Molino. Ad aiutarla nell’impresa anche Alfio Santinelli per il comitato dei cittadini e Michela Mecarelli, anche lei consigliera comunale di minoranza.

federica carbonari
La capogruppo all’opposizione Federica Carbonari e legale del Comitato.

Una vicenda che trae origine qualche hanno fa e che, dopo un susseguirsi di esposti e di battaglie, ora sembra aver preso una svolta: «Abbiamo deciso di andare avanti, nonostante sembrava che nulla si potesse fare. Finché l’Anas, sollecitata da me e dal comitato, ha chiesto ufficialmente l’inserimento dell’opera nel primo utile contratto di programma del Ministero dei Trasporti. Abbiamo ottenuto finalmente un progetto, a costo zero per i cittadini, per un intervento di riqualificazione dello svincolo della SS76, da sempre noto per la pericolosità».

Il tavolo di confronto con l’Anas è stato possibile grazie all’intervento di un politico che ha preso a cuore la questione:

«Ora si attende solo stanziamento dei fondi, oltre 652 mila euro – fa sapere l’avv. Carbonari -. L’opera si farà al 90%.  Nell’ultima fase servirà la collaborazione del Comune, per rivedere anche la viabilità interna, e della Regione per forzare, se necessario, la parte fattiva. Ringrazio l’Anas per la disponibilità e la celerità, sono stati di un’attenzione per il territorio veramente uniche».

Il comitato, nel documento sottoscritto e presentato all’Anas, faceva richiesta di una rotatoria (o qualsivoglia altro progetto idoneo) «a garanzia della sicurezza di tutti per prevenire ed evitare incidenti che periodicamente continuano a verificarsi». Infatti nello snodo «da ambe le parti – si legge nel documento – non si può godere di una visuale consona ed adeguata per attraversare in sicurezza l’incrocio, essendo questa ostruita completamente dalla conformazione della strada provinciale in quel tratto e dalla spesso elevata velocità dei veicolo che transitano». Da qui la necessità «di un intervento risolutore volto a porre fine alla situazione seria e di grave pericolo per la pubblica incolumità sicurezza».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.