Comitato per il Sì, parla Pieralisi: "Boschi a Jesi motivo d'orgoglio. Basta strumentalizzazioni"

JESI – A favore del alle riforme costituzionali è schierato il cuore della produttività jesina: il Comitato Imprenditori “inSIeme per il Sì” raduna in un movimento spontaneo gli imprenditori e gli industriali del territorio che vedono nella riforma Renzi – Boschi una grande opportunità per il Paese e per le future generazioni.

Ne parliamo con il presidente del Comitato Andrea Pieralisi, amministratore delegato dell’azienda Vini Monteschiavo.

Chi sono gli Imprenditori del Sì?

InSIeme per il Sì è un’idea di sei imprenditori della provincia di Ancona che hanno deciso di “metterci la faccia” e di schierarsi a favore del Referendum. Noi imprenditori sperimentiamo sulla nostra pelle, quotidianamente, quanto importante sia favorire il cambiamento. Dalla volontà condivisa di contribuire alla riforma del Paese prende vita il Comitato, il primo in Italia fuori dalla cerchia dei partiti, privo di appoggi politici”.

Perché dire Sì al Referendum? Quali saranno i cambiamenti vantaggiosi per il Paese?

“Lasciamo i tecnicismi ai costituzionalisti. La motivazione è una sola: a noi interessa che venga approvata la Riforma. Perché? Se il Paese si esprimesse a favore del No, a vincere sarebbero i burocrati e tutti coloro che non vogliono il cambiamento e la semplificazione dello Stato. Appoggiare il Sì significa invece spalancare le porte ad un periodo di profonde ristrutturazioni in Italia”.

(Nella foto, il presidente del Comitato per il Sì Andrea Pieralisi durante la visita della Ministra Boschi)

Ministro Boschi a Jesi: parliamone. La scelta della Ministra di incontrare, qualche giorno fa, gli imprenditori del Sì in forma privata è stata oggetto di molte critiche. C’è anche chi ha parlato di riunione “carbonara”…

“La Ministra è arrivata a Jesi dopo essere stata nel Sud delle Marche, il tempo di una breve tappa a Jesi e poi avrebbe proseguito a Fano con il suo tour di incontri pubblici. Non condivido la polemica e non capisco perché parlare di riunione “carbonara” quando l’intera visita è stata ampiamente documentata e trasmessa attraverso i social con foto e riprese in diretta. Era presente anche la stampa locale. Quindi…forse queste critiche sono mosse dall’invidia: il nostro movimento è riuscito a portare a Jesi la Ministra. E trovo di cattivo gusto che gli “offesi”, invece di essere orgogliosi di questa visita, ne abbiano fatto oggetto di strumentalizzazione. Per noi, invece, il suo arrivo in città è una grandissima soddisfazione: la Boschi, con questo incontro, ha voluto legittimare il nostro comitato e ci ha spronato ad andare avanti più convinti di prima”.

Qual’è il messaggio della Boschi per Jesi?

“Voglio girare la domanda e raccontare con quale foto la Ministra se ne è andata dopo la sua visita.  La Boschi è andata via dopo aver visto un’eccellenza produttiva e manifatturiera delle Marche, una platea di 200 persone che rappresentavano 200 imprese diverse, con la convinzione che questo territorio sia ricco di vivacità e di attività che, nonostante le mille difficoltà e un apparato statale che è tutto tranne pro-impresa, con testardaggine tirano avanti”.

Prossime iniziative in programma?

“Ci riuniremo con il Comitato a fine agosto per fare il punto della situazione. Sono in programma comunque incontri con i cittadini per spiegare le ragioni del Sì, aprendoci anche al territorio di Senigallia, Ancona e Fabriano”.

 

Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*