Covid, il cloro delle piscine disattiva il virus: lo studio | Password Magazine

Covid, il cloro delle piscine disattiva il virus: lo studio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da Monsub.

Secondo uno studio dell’Imperial College di Londra (va detto, non ancora revisionato), il cloro diluito in acqua potrebbe inattivare il coronavirus. Gli autori dello studio inglese hanno condotto degli esperimenti i cui risultati hanno testimoniato la riduzione della trasmissione del virus nell’arco di trenta secondi. In questa soluzione, in acqua, una concentrazione di 1,5 milligrammi di coloro con un’indice di acidità fra i 7 e i 7,2 può ridurre di oltre mille volte la carica infettiva della SARS COVID-19. Appunto, in soli 30 secondi.

Come ha spiegato anche Sky Tg 24, gli esperimenti (condotti a Londra e commissionati da Swim England, l’ente inglese per la gestione degli sport acquatici) hanno visto alte cariche infettive di coronavirus venire a contatto nell’acqua clorata, la stessa utilizzata per le piscine, e di fatto, un pH inferiore garantirebbe un tasso di infettività trascurabile in questo tipo di soluzione acquea.

piscina zenobi
Foto del murales di Zenobi condivisa sulla pagina Facebook della piscina comunale di Jesi

«Questi risultati –  ha spiegato l’amministratore delegato di Swim England, Jane Nickerson – supportano l’ipotesi che le piscine siano ambienti sicuri se si adottano le misure appropriate. È una notizia fantastica per gli operatori, i nostri membri e club che prendono parte alle attività sportive, i nuotatori e coloro che fanno affidamento sull’acqua per restare fisicamente attivi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.