Ristoranti, palestre, cinema e piscine: le proposte delle Regioni | Password Magazine

Ristoranti, palestre, cinema e piscine: le proposte delle Regioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Regioni pronte a riaprire progressivamente le attività «in condizioni di sicurezza e nel rispetto dei protocolli di prevenzione». Varate le linee guida per la riapertura delle attività, lanciate e approvate dai Governatori durante la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, convocata dal presidente neoeletto Fedriga.

Le misure andranno ovviamente al vaglio del Comitato Tecnico Scientifico e infine del Governo, che deciderà sul da farsi. Ecco cosa prevedono le linee guida che riguarderanno bar e ristoranti, palestre e piscine, cinema e teatri.

Il primo passo, con tutta probabilità, riguarderà la riapertura dei ristoranti nelle zone gialle anche nella fascia serale, con conseguente slittamento di una-due ore del coprifuoco che, ad oggi, comincia alle 22. Le Regioni premono dunque per riavviare ristoranti a pranzo e a cena, sfruttando magari gli spazi all’aperto. Privilegiate poi le prenotazione e, per chi non disponesse di posti a sedere, si prevede di limitare l’ingresso a un numero di clienti per volte, in modo di assicurare i due metri di separazione negli spazi chiusi.

Due metri di distanza anche all’interno di palestre, cinema, teatri. Per le palestre, le Regioni propongono accessi regolamentati e sanificazione degli attrezzi dopo ogni utilizzo e in generale garantire la pulizia e disinfezione dell’ambiente, attrezzi e macchine anche più volte al giorno. Stesse indicazioni per le piscine, con il gestore che dovrà garantire almeno 7 metri quadri di superficie d’acqua a persona.

Per il cinema e gli spettacoli dal vivo, le linee guida prevedono almeno un metro di distanza (2 senza mascherine) e la richiesta di un test negativo nelle 48 ore precedenti o di un documento che attesti la vaccinazione.

Le Regioni propongono regole per far ripartire il Paese anche nelle zone rosse.  Il documento varato sulle riaperture dovrà essere compatibili col miglioramento dei dati dell’emergenza Covid, anche alla luce di una revisione dei parametri di valutazione. Toccherà all’Esecutivo, quindi, dare il via libera: Draghi non ha escluso che qualche apertura venga anticipata già entro la fine del mese (l’ipotesi è il 26 aprile) ma i più rigoristi frenano.
Secondo quanto riferito dal ministro agli Affari regionali Mariastella Gelmini, nei giorni scorsi in visita nelle Marche, contagi e vaccini diventeranno i parametri su cui impostare il calendario delle riaperture.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.