Decreto Sicurezza: la risoluzione “creativa” della maggioranza jesina citata dalla stampa nazionale

JESI – Il decreto sicurezza del governo ha fatto molto discutere, anche nel consiglio comunale di Jesi dove sono stati due gli ordini del giorno presentati, uno dal PD l’altro da Jesi in Comune – Laboratorio Sinistra.

Entrambi sono stati bocciati dalla maggioranza (con 2 astenuti tra le sue fila) ma la stessa ha poi presentato una risoluzione, questa passata con il voto anche di alcuni consiglieri dell’opposizione.

Così Jesiamo: C’è una Legge, è compito del Sindaco applicarla e farla rispettare. Nei limiti della stessa, ci muoveremo con tavoli di confronto con gli altri Comuni della Vallesina ed i soggetti del Terzo Settore per attivare quei percorsi di aiuto e misure di sostegno verso coloro che, dal Decreto, vengono penalizzati soprattutto con la perdita della residenza anagrafica.
Sarà nostro compito ed impegno trovare presso la Regione Marche le risorse necessarie per la presa in carico delle cure sanitarie per le famiglie con minori, donne incinte e persone con disagio psichico, come quanto necessario per l’accoglimento dei minori non accompagnati.
L’impegno fattivo è per noi la miglior risposta. E’ questo il senso di una risoluzione che abbiamo presentato, discusso e votato nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale”

Una risoluzione che ha attirato l’attenzione di alcuni quotidiani nazionali, tra cui l’Avvenire che, in un articolo di oggi dedicato al tema, così recita:

“Prendete il caso del Consiglio comunale di Jesi, in provincia di Ancona, che nei giorni scorsi si è confrontato sul punto che desta maggiore preoccupazione: l’impossibilità di iscrizione all’anagrafe per i richiedenti asilo con permesso di soggiorno umanitario.
«La mancata iscrizione comporta la perdita di alcuni diritti fondamentali – ricorda Tommaso Cioncolini, consigliere di maggioranza della lista JesInsieme, che ha lavorato alla proposta – dall’accesso all’assistenza sanitaria ordinaria alla ricerca di un lavoro, fino all’apertura di un semplice conto corrente».
Il sindaco della città, Massimo Bacci, ha sempre ribadito che non intendeva fare “disobbidienza civile” e che voleva applicare la legge. «Studiando attentamente la questione – prosegue Cioncolini – ci siamo accorti che la legge non stravolge quello che c’è nel Testo unico sull’immigrazione. Quella legge infatti non vieta l’iscrizione, ma non riconosce il permesso di soggiorno come titolo valido per la registrazione.”

Per l’articolo completo seguite QUESTO LINK

Altri sono stati poi i siti che hanno riportato la cosa. Una risoluzione, quella della maggioranza jesina, denominata “modalità creativa” di interpretare la legge che ha incuriosito.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*