"Dentro un cielo compare un'isola": le Arti povere in mostra a Palazzo Bisaccioni | Password Magazine

“Dentro un cielo compare un’isola”: le Arti povere in mostra a Palazzo Bisaccioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nuova esposizione dal titolo “Dentro un cielo compare un’isola” promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi.

Palazzo Bisaccioni sarà la cornice di questa nuova mostra che sarà inaugurata oggi, alle 18, e sarà fruibile fino al 4 novembre. L’esposizione è dedicata alle arti povere in Italia raccontate attraverso il disegno e la fotografia dal 1963 al 1980 di autori quali Vincenzo Agnetti, Adriano Altamira, Enrico Baj, Alighiero Boetti, Sandro Chia, Francesco Clemente, Mario Cresci, Gino De Dominicis, Nicola De Maria, Mario Giacomelli, Luigi Ghirri, Ugo La Pietra, Elio Mariani, Aldo Mondino, Luigi Ontani, Mimmo Paladino, Claudio Parmiggiani, Pino Pascali, Luca Maria Patella, Michele Perfetti, Robert Pettena, Lamberto Pignotti, Michelangelo Pistoletto, Concetto Pozzati, Emilio Prini, Francesco Radino, Sandra Sandri, Mario Schifano, Gianni Emilio Simonetti, Franco Vaccari, Luigi Viola, Michele Zaza.

“La Fondazione continua in linea con l’obiettivo di produrre cultura – commenta Mauro Tarantino, segretario della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi – tanto che abbiamo voluto prolungare la mostra sino al 4 novembre per dare l’opportunità alle scuole di organizzare le visite durante l’anno scolastico. Inoltre, vorrei ringraziare il curatore della mostra, Andrea Bruciati, per l’ottimo lavoro svolto”.

La mostra si focalizza su 32 artisti e 34 opere, provenienti da collezioni private, e nasce dall’intento di raccontare un movimento artistico italiano che ha avuto un’eco internazionale negli ultimi 50 anni: l’Arte Povera. “L’opera d’arte se non è fruita, non ha ragion d’essere – afferma il curatore della mostra Andrea Bruciati  queste 34 opere provengono da tutta Italia, abbiamo avuto quindi un grande supporto poiché sono stati i collezionisti stessi, in primis, ad aver capito la bellezza e l’importanza di esporre questi artisti rimasti, se vogliamo, un po’ nell’ombra”.

Le opere in mostra sono disegni e fotografie realizzati in poco più di un decennio, dal 1963 al 1980, e rappresentano un atto di ribellione nei confronti di una società in balia del boom economico e del consumismo: una nuova generazione di artisti capaci di ridurre il segno ai minimi termini, ma dove il dato visivo resta sempre fondamentale e imprescindibile per una narrazione possibile della realtà. Mezzi come il disegno e la fotografia diventano segni di una sensibilità nuova che non rinnega la storia, né tanto meno la tradizione figurativa rinascimentale, ma la reinventa, caricandola di un significato emotivo e concettuale che precedentemente non aveva. Si fa strada così un ‘fare artistico’ che fa ricorso a materiali poveri: l’arte si pone come presa di coscienza delle possibilità espressive insite nella materia stessa e, parallelamente, ad una progressiva radicalizzazione dei segni: si passa dal fare al pensare, dalla cosa all’Idea. Dalle agitazioni del ’68, una generazione di artisti ha sperimentato una libertà d’azione legata alla struttura del linguaggio volta alla ridefinizione di un mondo fino a quel momento inammissibile: il disegno e la fotografia rispondono in maniera nuova e senza scendere a compromessi con una volontà documentativa e militante, in quanto strumenti primordiali nella ‘registrazione’ della realtà così com’è, senza finzione.

La mostra è a ingresso libero e segue questi orari di apertura: lunedì/domenica 9:30-13:00  /  15:30-19:30

Si possono prenotare le visite guidate al: 0731/207523 o via mail: info@fondazionecrj.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.