Due piccole gattine tartarugate cercano casa a Jesi, appello dei volontari

JESI – Due gattine tartarugate di appena 50 giorni, trovate sole in mezzo alla strada, sono temporaneamente ospitate nel giardino di un volontario ma entro breve, se non si trova qualcuno disposto ad adottarle, saranno purtroppo rimesse in libertà. Questo è il periodo dello svezzamento di molti gatti nati alcune settimane fa e come ogni anno è probabilmente quello più critico con il maggior numero di nascite che avviene proprio nella tarda primavera.

La segnalazione arriva da Selly Buffarini che si sta impegnando per trovare un posto per le due piccole gattine che hanno comunque subito già una pulizia da vermi e pulci completa. La volontaria segnala una situazione abbastanza critica in quanto non ci sono più stalli, persone che ospitano diversi gatti in propri spazi, nella città di Jesi come non esistono gattili disponibili ad ospitarli.

In questo specifico caso poi, delle persone interessate hanno deciso di non prenderle più lasciandole praticamente senza una destinazione che , speriamo, questo articolo aiuti a trovare. Chiunque sia seriamente interessato può contattatre direttamente la volontaria Selly che ci ha fornito il suo numero di telefono:  347 4887888

 

“Questo appello si serve per far adottare le due micine – ci scrive la volontaria – ma spero vivamente possa servire anche per sensibilizzare tutti gli abitanti di Jesi e dintorni. Quando un volontario vi chiede di STERILIZZARE… non lo fa per impedire a un animale la propria natura, lo fa per proteggerlo, perchè purtroppo sa che il gatto finirebbe schiacciato sotto un auto , o morto di sete e stenti o ancor peggio avvelenato. Comuni come Jesi non hanno le strutture idonee a poter accogliere e proteggere i randagi ( gattili o oasi protette) , nonostante la legge 10/97 regionale indichi chiaramente che dovrebbe essere obbligatorio, quindi sterilizzate e aiutate con gli stalli i volontari che si fanno il mazzo. Inoltre i gatti purtroppo si ammalano di Fiv e Felv con i rapporti e vi assicuro che non è un bel vedere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.