Entra nel vivo la “Festa del vi’ de Visciola”

SAN PAOLO DI JESI –  Entra nel vivo la sesta edizione della “Festa del vi’ de Visciola” in programma fino a domenica 18 ottobre a San Paolo di Jesi, organizzata dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune. Una rassegna unica in Italia, capace di far registrare, nella passata edizione, quasi 15 mila presenze in tre giorni. Nel suggestivo borgo collinare si celebra un prodotto d’eccellenza, il vino di visciola, ma anche il rito della Cavata delle zitelle, coinvolte pure in una gara della pigiatura e condotte per le vie del paese con una carrozza trainata da cavalli bianche come vere e proprie principesse.

Ad aprire la manifestazione è stato, questo pomeriggio, il convegno, organizzato con il patrocinio della Provincia di Ancona e della Regione Marche, dal titolo “Vino di visciole: evoluzione di un prodotto di qualità ed opportunità imprenditoriali”. L’incontro è stato aperto dai saluti del sindaco Sandro Barcaglioni che ha ricordato come la festa, in pochi anni, “sia riuscita ad avere un successo e una risonanza tali da contribuire anche al rilancio e alla valorizzazione del prodotto”. Ad introdurre il tema e moderare il convegno l’agronomo Angelo Zannotti. “Il vino di visciola non è più – ha sottolineato Zannotti – una realtà esclusivamente hobbistica ma un vero e proprio investimento produttivo, che ha dato avvio a una specifica filiera di produzione. Qualche anno fa, infatti, ha ottenuto il riconoscimento, grazie all’interessamento del Comune, di prodotto tradizionale con tanto di disciplinare”. Sono state evidenziate le ragioni del successo di un prodotto, il vino di visciola, il cui consumo è aumentato considerevolmente, così come i relativi produttori e gli impianti arborei di visciole.

L’enologo Alberto Mazzoni ha parlato del ruolo della promozione nell’evoluzione enologica, sottolineando l’importanza delle certificazioni che “hanno dato un’identità al territorio e fatto acquisire più appeal ai nostri vini nei consumatori”.

Il dirigente della Regione Marche Lorenzo Bisogni, ha approfondito il tema delle “Opportunità per le produzioni di filiera offerte dal PSR – Marche 2014-2020”. Per ottenere qualcosa di più dal mercato, ha detto, “occorre stare insieme e fare massa critica. E questo ormai i produttori lo hanno capito”.

Fino a domenica la “Festa del vi’ de Visciola” propone degustazioni negli stand gastronomici, dove sono serviti piatti caratteristici, e un ricco calendario di appuntamenti, tutti a ingresso libero.

Sabato 18 ottobre musica (dalle 19) con Baticum band, Mortimer Mc Grave e Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar. E poi Paolo Noise, il dj e conduttore di Radio 105, con il suo talento naturale per la comicità. La musica proseguirà fino a notte inoltrata con dj Salah afro music e dj Red house music. L’atmosfera sarà davvero magica perché la piazzetta dove si terranno i concerti sarà allestita come una vera e propria discoteca.

La giornata di domenica 19 ottobre si aprirà alle 16 con la sfilata delle zitelle e la gara di pigiatura. La musica sarà quella folk de “La Martinicchia”, e quella commerciale italiana dei “Divieto di sosta”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*