#EroiNoi// Angeli del Fango, i volontari della Protezione civile di Serra San Quirico a Benevento | | Password Magazine
Banner4Baffi

#EroiNoi// Angeli del Fango, i volontari della Protezione civile di Serra San Quirico a Benevento

#eroinoi

Nessuno ne parla mai abbastanza. Sono gli eroi della quotidianità. Angeli custodi che, con sudore, fatica e impegno, vegliano sugli altri, in silenzio, operando a favore della collettività. Sono coloro che mantengono intatti gli equilibri della nostra quotidianità. Che tendono la mano in aiuto del prossimo al momento giusto. Sono coloro che, anche nel loro piccolo, trovano il coraggio e la forza di affrontare situazioni difficili. Siamo Noi, gli Eroi.

A seguito della tremenda esondazione del fiume Calore avvenuta il 15 ottobre  nella zona di Benevento la Protezione Civile Nazionale ha attivato la colonna mobile della Regione Marche come prima partenza per portare attrezzature e manodopera nelle zone colpite. Molti Gruppi Comunali e Associazioni, hanno risposto prontamente e dopo poco erano già  in marcia verso la Campania con più di venti mezzi a bordo dei quali 120 volontari, generatori e pompe idrovore. Tra questi, tanti i Gruppi della nostra zona tra cui il Gruppo Comunale di Serra San Quirico.

A raccontarci quei momenti, il coordinatore Umberto Caldaroni. Sposato, con una figlia, data la situazione di estrema emergenza, Umberto non ha esitato a partire per intervenire con la sua squadra.

A sinistra Umberto Caldaroni, coordinatore del Gruppo Comunale di Serra San Quirico.

“Tutto ha inizio con una telefonata in piena notte del Referente provinciale Lorenzo Mazzieri indirizzata ai Coordinatori dei gruppi comunali e associazioni di volontariato con la richiesta di disponibilità per un intervento in Campania. Ho subito allertato il mio gruppo e preparato l’attrezzatura per la partenza”, racconta Umberto.

Ad attenderli, a Benevento, uno scenario a dir poco drammatico: “Descrivere la devastazione che abbiamo trovato avvicinandoci alle rive del fiume è difficile, anche le centinaia di foto scattate dal nostro fedele reporter non sono in grado di raccontarla –  spiega Umberto – Arrivati sul luogo, i volontari della colonna mobile si sono messi subito all’opera  nella zona industriale, tra le più colpite dall’esondazione del Calore. Container da 12 metri rovesciati, pali di illuminazione stradale divelti o abbattuti, rami e sterpaglie incastrati in materiale nuovo, appena prodotto, portato via dalla furia dell’acqua dalle aziende vicine”.

L’unica cosa che accomuna tutto è il fango: “Arrivati in questo enorme stabilimento di produzione che dà lavoro a piu di 500 persone abbiamo subito notato la riga del fango sulle pareti ad una altezza di circa tre metri, e non si deve essere necessariamente addetti ai lavori per capire che dentro sarebbe stato tutto da buttare”. Al termine della prima giornata siamo stati alloggiati e rifocillati in una tenso-struttura che ricopriva un campo da tennis di un centro sportivo di Benevento.

“Il nostro gruppo era alla sua prima esperienza fuori regione ma, tra colleghi accomunati dal volontariato, si è subito instaurato un bellissimo rapporto. Tutti uguali, tutti insieme, non importa se nella vita di tutti i giorni sei un imprenditore o un disoccupato, uno studente o un pensionato, il volontariato accomuna tutti”.

All’alba del secondo giorno – quattro complessivamente – il Gruppo torna nella zona industriale, addentrandosi maggiormente nell’area colpita fino a raggiungere l’argine del Calore.

“Nel breafing ci è stato spiegato che il nostro compito sarebbe stato di supportare sia con uomini che attrezzature una grossa azienda fortemente colpita dall’ondata di piena. Agevolare la ripresa produttiva delle aree colpite è tra i primi compiti della Protezione Civile. Dare la possibilità a centinaia di lavoratori di tornare a produrre, in un territorio fortemente colpito, è basilare – racconta Umberto – Sono questi i momenti in cui il volontario giustifica gli sforzi e le rinunce che fa. Il mondo della Protezione Civile è tutto lì, l’aggiornamento continuo, il reperire fondi tramite donazioni, le riunioni serali i sacrifici personali, tutto per essere pronti al meglio in queste situazioni, tutto per portare aiuto dove serve”.

Raccontaci la tua storia.
Contattaci a redazione@leggopassword.it 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.