Fa incidente e non si ferma, pirata della strada incastrato dalle telecamere

Foto di archivio

JESI – L’incidente era avvenuto intorno alle 9.35 all’incrocio tra via Acqua e via Imbriani. Per cause in fase di accertamento, tre auto vetture sono rimaste coinvolge in uno scontro: un suv BMW, condotto da un 70enne di Cingoli, una Renault Clio, su cui viaggiava una jesina di 47 anni e una Fiat Qubo guidata da un’altra 47enne di Polverigi. Nell’impatto, la donna a bordo della Renault Clio restava ferita, anche se non gravemente: sul posto è intervenuta la Croce Verde di Jesi per il trasporto in ospedale. Anche se è ancora da chiarire la dinamica dell’incidente, la Polizia municipale sostiene che è il suv non si sia fermato dopo l’incidente. Il 70enne di Cingoli sarà dunque segnalato all’autorità giudiziaria.

La sua auto era stata subito identificata dalla Polizia locale, grazie alla telecamere di sorveglianza che il Comune ha installato nella zona. Dalla targa si è risaliti presto al proprietario che era lo stesso conducente, invitato poi al Comando per i successivi accertamenti di rito.

Prendendo spunto da questo episodio, il comandante della Polizia locale Cristian Lupidi mette in guardia: “Fermarsi dopo essere stati coinvolti in un incidente è obbligatorio per legge. A Jesi vi è per altro un diffuso sistema di videosorveglianza e un passa parola veloce che consente sempre di individuare il responsabile di un sinistro che si dà alla fuga. Ed è una avventata scelta, quella di non prestare soccorso ad eventuali feriti, perché può portare anche all’arresto”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*