Fabriano, attesa per il Premio «Castello di Argignano – Riconoscimento al personaggio» - Password Magazine

Festival Pergolesi

Fabriano, attesa per il Premio «Castello di Argignano – Riconoscimento al personaggio»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FABRIANO – Si avvicina l’appuntamento con il Premio “Castello di Argignano – Riconocimento al personaggio”, la cerimonia di consegna in programmna il 23 luglio alle ore 19,30 nel padiglione del Circolo Fenalc di Argignano, grazie al quale con il patrocinio del Comune di Fabriano, del Circolo della Stampa Marche Press, del Rotary Club di Fabriano nell’ambito della Festa della Felicità 2022 (22 al 24 luglio) si terrà la 12° Edizione del Premio “Castello di Argignano – Riconoscimento al personaggio”.

La manifestazione dedicata a cittadini del capoluogo e delle frazioni, quindi DOCG, è stata presentata Venerdi 8 luglio alle ore 11.30 nella Sala Giunta del Comune di Fabriano, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte la Sindaca  Daniela Ghergo, l’assessore al Turismo e alla Cultura, Andrea Giombi e Maura Nataloni, la presidente del Circolo Fenalc di Arginano Daniela Corrieri, il già presidente del Circolo della Stampa Marche Press, Carlo Cammoranesi, il presidente del Rotary Club, Doriano Tabocchini e il giornalista Daniele Gattucci, fautore ed organizzatore del Premio con l’Associazione Fenalc.

Nel corso dell’incontro, ribadito da tutti gli intervenuti, l’elemento centrale e il principio ispirativo delle agnizioni: viene premiata la “Fabrianesità”, meglio ancora, sia per la Sezione Senior, sia per la Sezione Junior (età massima 40 anni), in base alle indicazioni fatte da Associazioni, Gruppi sociali, singoli cittadini e da ogni parte della collettività agli organizzatori, vengono presi in esame, naturalmente in funzione del curriculum vitae che ne documenta l’attività, i cittadini del capoluogo e ovviamente delle frazioni del nostro Municipio che si sono distinti per atti, opere, attività, eventi e quanto altro attiene alle attività della sfera personale e collettiva

Questo il criterio di fondo al quale la Giuria del Premio, si è attenuta nello strutturare l’insieme che ha sempre e comunque quello di dare lustro a tanti concittadini che hanno avuto ed avranno un ruolo preminente nei tanti innumerevoli ambiti del vivere quotidiano.

«Il compito e l’impegno che ci siamo dati – ha sottolineato Gattucci – non è stato semplice, ma al contrario, proprio per la sua unicità, è il primo ed unico del genere nella nostra città, ha una valenza di grande significato per coloro che sono riusciti ad eccellere in tutti quegli ambiti sopra qui menzionati. In concreto è un tangibile segno di identificazione, ricompensa e lode per quanto ogni residente illustre e non riuscito a garantire, nella migliore maniera, alla propria famiglia, al suo lavoro e più in generale alla società in cui vive e si impegna».

Altri aspetti posti in risalto nell’incontro con i cronisti ha riguardato l’archivio delle segnalazioni che nonostante i due anni di stop dovuti alla pandemia ora, tra Senior e Junior, è composto da oltre cento nomi di fabrianesi, solo in parte corredati di dettagliati curriculum vitae: la base essenziale, l’elemento portante del Premio che ne muove tutta la sua organizzazione.

E questo è stato più volte evidenziato, perché è soltanto in base al percorso della vita di ognuno dei candidati inviato da singoli cittadini, associazioni, istituzioni, gruppi e più in generale dalla collettività che poi si scelgono i nomi dei primati: “è proprio qui – il commento delle Istituzioni e degli organizzatori – la grande forza democratica del progetto che mantiene la stretta relazione con Fabriano”:

Altra peculiarità la scultura realizzata dai professori e dagli alunni del Liceo Artistico E. Mannucci, ennesimo segno identificativo della “fabrianesità” data al premio che per non lasciare nulla di intentato, forte della prima esperienza, edizione dopo edizione, pur con la pausa Covid, da inizio ai lavori in diverse riunioni già dai primi di gennaio ogni anno cui prendono parte tutti gli esponenti del Direttivo del Circolo Fenalc, del Circolo della Stampa Marche Press del Rotary Club. Ad aprile si tiene un’assemblea di presentazione a cui è seguono quelle di maggio e giugno, mese, quest’ultimo entro il quale scade l’invio dei curriculum.

Da ultimo, e non certo per importanza, la rilevanza data all’arricchimento del Premio, con l’inserimento della figura “dell’Ospite d’Onore” che per il 2022 è un nome di grande prestigio e notorietà per Fabriano, ingrediente forte che andrà ad arricchire “L’Albo d’Oro” e la prima ed unica “Videoteca dei Fabrianesi Benemeriti” poi consegnati, come in tutte le precedenti edizioni negli Archivi della Biblioteca pubblica: di sicuro un catalogo documentale e visivo dei “Fabrianesi” di assoluto valore che probabilmente poche città possono vantare.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.