Interruzione di gravidanza, un medico da Senigallia per garantire il servizio a Jesi

JESI – FIDAPA, La strada di Sergio, Non Una Di Meno, Ostello delle idee, insieme per difendere il diritto delle donne di interruzione volontaria di gravidanza: dallo scorso dicembre, infatti, Jesi non ha un ginecologo che permetta alla legge 194 di essere applicata.

L’assessora Maria Luisa Quaglieri ha accolto le istanze delle associazioni rappresentate da Francesca Pentericci (presidente FIDAPA) Maria Daniela Morresi (Non Una Di Meno Jesi/FIDAPA) Maria Antonietta Schiadà (La strada di Sergio/Non una di meno Jesi) Emanuela Bartolini (Non Una Di Meno Jesi/Ostello delle idee), preoccupate per il vuoto lasciato nel servizio dal medico precedente, trasferito a Macerata a seguito del buon esito di un concorso, e la media di circa 10 donne al mese che lo richiedono. La problematica principale del non avere un professionista a Jesi che pratichi l’interruzione volontaria della gravidanza è serio: «Si tratta di una grave mancanza che va a incentivare l’aborto clandestino, difficoltà che sta diventando un problema sociale – spiega l’assessora Quaglieri, con l’approvazione delle rappresentanti delle associazioni – per ovviare a tutto ciò c’è la necessità di vedere la legge 194 applicata». E così, grazie anche alla splendida collaborazione con il dottor Fabrizio Volpini, presidente della commissione sanità della regione Marche, si è giunti ad una conclusione: sarà la dottoressa Beatrice Landi di Senigallia, nello spirito dell’Area vasta, sarà presente a Jesi il primo e il terzo lunedì di ogni mese, a partire dal 5 marzo, per mettere la sua professionalità a disposizione delle donne di Jesi e della Vallesina.

Il punto fondamentale della Legge 194 sta nei suoi contorni: «La cosa fondamentale è che la legge prevede l’educazione sessuale a scuola, la promozione dei metodi contraccettivi e la tutela della maternità sul piano giuridico ed economico, per avere come obiettivo primario – continua l’assessora – una maternità consapevole e responsabile, ed è importante che la donna venga sostenuta ed informata durante tutto il percorso». L’assessora e le rappresentanti delle associazioni di Jesi presenti vanno a porre l’attenzione sull’importanza di avere un iter chiaro e delineato che si appoggi su una rete di sostegno fatta di professionisti quali medici, psicologi, terapeuti, a favore delle donne che si troveranno a gestire una situazione problematica come lo è quella dell’interruzione di una gravidanza. Ma non solo, anche per permettere alle donne di avere chiara la loro situazione e per esporre loro il ventaglio di scelte che potrebbero avere aldilà dell’interruzione della gravidanza.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*