Jesi, le celebrazioni per la Festa della Liberazione - Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi, le celebrazioni per la Festa della Liberazione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si sono svolte questa mattina a Jesi le celebrazioni per la Festa della Liberazione del 25 Aprile.

Dopo la messa e la cerimonia di deposizione della corona di alloro al monumento dei Caduti di viale Cavallotti, il corteo si è radunato in Piazza Pergolesi per poi raggiungere piazza Indipendenza, alla presenza delle associazioni combattentistiche e d’arma, dell’Anpi, delle autorità civili e militari, dei cittadini.

«Dopo due anni in cui la pandemia ci ha impedito incontri pubblici, torniamo a celebrare il 25 Aprile in presenza – ha detto il sindaco Massimo Bacci -. La festa della Liberazione, madre della nostra Costituzione. E la celebriamo oggi in maniera ancora più ricca di significato perché è in atto una guerra a due passi da noi che non può passare sotto silenzio in questa giornata dedicata alla memoria». Dopo aver rivolto un pensiero alla popolazione ucraina afflitta dalla guerra, il Primo cittadino ha ricordato la donazione effettuata dalla famiglia del partigiano Eraclito Cappannini al Comune: «C’è questo bel dono che ci ha fatto la famiglia, in particolare l’ultima sorella di Eraclio, Maria Luisa, che ha voluto lasciare al Comune di Jesi la lettera originale scritta da questo ragazzo poco più che ventenne prima della fucilazione, la medaglia d’argento al valor militare alla sua memoria assegnata e la divisa che indossava quel giorno, dove è ben visibile il foro del proiettile all’altezza del cuore.

Aver ricevuto questo dono ora, a conclusione dei 10 anni del mio mandato di Sindaco, lo considero personalmente uno straordinario privilegio». Non poteva mancare il ricordo di Daniela Cesarini nel nono anniversario dalla scomparsa. 

L’intervento del sindaco è stato preceduto dalla lettura di Dante Ricci della parte finale del bel libro di Vittorio Graziosi “Una vita per la libertà – Storia del Partigiano Eraclio Cappannini”. Dopo la lettura della lettera del partigiano prima della fucilazione, la parola è passata a Rosalba Cesini del direttivo A.N.P.I. di Jesi che ha ricordato l’orrore della guerra oggi in Ucraina e evidenziato l’importanza dei valori dell’antifascismo.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.