La scatola dei ricordi, bambini e anziani insieme per il progetto | Password Magazine
Festival Pergolesi

La scatola dei ricordi, bambini e anziani insieme per il progetto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Si è concluso con la modalità della didattica a distanza, attraverso un e-book che ha rappresentato un ponte digitale fra i cento bambini e i trenta anziani coinvolti, il progetto intergenerazionale dal titolo “La scatola dei ricordi”. Si tratta di un’iniziativa esperienziale e dì condivisione, giunto alla quinta annualità, proposta dalla Fondazione Gaspare Spontini alle scuole primarie dell’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani” di Moie. Il presidente della Fondazione, che gestisce la Casa di riposo, Ivano Zamporlini, spiega come “La scatola dei ricordi” rappresenti «uno dei progetti più qualificanti e apprezzati dai nostri ospiti e dalle loro famiglie», mentre la dirigente dell’Istituto comprensivo Patrizia Leoni sottolinea come «mettendo in comunicazione anziani e bambini, il progetto ha l’alto valore di contribuire a saldare il legame generazionale e di garantire la conservazione della memoria storica»

La prima fase del progetto era iniziata a dicembre per proseguire fino a febbraio coinvolgendo cinque classi, le quarte delle primarie di Moie e Macine, per un totale di oltre 100 bambini e bambine, e 16 insegnanti, coordinati da Stefania Lucidi. Ogni anno i contenuti variano: alunni e anziani si sono via via confrontati sui giochi, sul cibo o sull’orticoltura. Quest’anno il tema era la vita quotidiana di ieri e di oggi. La seconda fase prevedeva a primavera una grande festa collettiva, per poi concludersi a giugno con una mostra dei lavori realizzati insieme, vero esempio di apprendimento cooperativo reciproco. L’emergenza sanitaria del Coronavirus ha costretto ad uno stop, ma è stata comunque trovata una modalità per concludere il percorso, riuscendo a mettere in comune un’esperienza che ha segnato in maniera positiva sia gli alunni che gli anziani. L’e-book, dal titolo “La scatola dei nostri ricordi”, contiene, appunto, i ricordi più belli dei bambini espressi attraverso disegni e frasi, nonché foto degli incontri. Il lavoro è stato consegnato alla coordinatrice della casa di riposo Sabrina Villani per esprimere agli ospiti tutta la gratitudine per quei momenti vissuti insieme. 

«La rapida evoluzione del COVID-19 ha scosso profondamente il nostro mondo – osserva la dirigente Leoni – tanto che la forza della didattica digitale si è riversata nell’ordinario come un fiume in piena. In questa situazione abbiamo sperimentato nuove forme di comunicazione a distanza e ci siamo sentiti un po’ meno soli… allo stesso modo abbiamo provato a creare un ponte con i nostri “nonni” della casa di riposo, un ponte digitale attraverso un e-book di disegni e foto per ringraziarli perché, come ha scritto un bambino, “Stare con voi è stata un’esperienza nuova e indimenticabile”. Nella prima fase del progetto, bambini e anziani sono stati impegnati in un laboratorio sull’argilla e attraverso la manipolazione hanno avuto la possibilità di giocare liberamente con un materiale, dargli forma attraverso l’apprendimento delle tecniche elementari, avere la possibilità di progettare, di fare delle scelte, di realizzare manufatti, di inventare soluzioni. Bambini e anziani hanno colto il piacere di manipolare, modellare, bucare, graffiare e decorare l’argilla e di condividere con gli altri questa esperienza; soprattutto, infine, hanno goduto dei lavori finiti, riconsegnanti dai bravissimi artigiani Toni e Adriana di Terredecò che hanno messo a disposizione la loro esperienza, il materiale necessario e, soprattutto, il forno. Gli oggetti rappresentavano brocche e pozzi, in linea anche con un altro progetto di Istituto, “Erasmus +”, al cui meeting finlandese dedicato all’acqua e alla vita sostenibile, alcuni dei manufatti sono stati portati in dono»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.