Laura Boldrini inaugura la nuova Salara di Jesi | Password Magazine

Laura Boldrini inaugura la nuova Salara di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La presidente della Camera Laura Boldrini inaugurerà sabato prossimo la nuova sala lettura multimediale della Biblioteca Planettiana che sarà ospitata presso la Salara. L’appuntamento è per le ore 18, in una cerimonia che vedrà la partecipazione del sindaco Massimo Bacci, del presidente della Fondazione Carisj Alfio Bassotti e dove attraverso la presentazione del volume “La Salara: antichi spazi nuovi servizi” si ripercorrerà la storia del progetto che ha portato alla realizzazione di questa qualificante struttura. Perché la nuova sala lettura è destinata a trasformare la Biblioteca da tradizionale spazio attento alla tutela, conservazione e valorizzazione di volumi e documenti ad un luogo dove sempre più si favorisce incontro e socializzazione, confronto di idee ed obiettivi per le nuove generazioni.

La Salara è stata recuperata ed allestita grazie ad un significativo contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi. L’arch. Paola Vidulli, alla quale è stata affidata la progettazione dei nuovi ambienti, ha ben saputo coniugare la bellezza degli spazi quattrocenteschi con gli obiettivi e le finalità del nuovo servizio, attraverso una scelta mirata e puntuale degli arredi, dei materiali, delle luci e delle finiture, oltre che della qualità e l’efficienza degli apparati tecnologici individuati.

Nelle ampie sale, accanto ai tradizionali libri di ogni genere troviamo i nuovi supporti multimediali che ampliano ulteriormente l’offerta bibliotecaria e culturale: film in DVD della migliore cinematografia italiana e straniera, audiolibri, risorse on line, cataloghi Opac, banche dati nazionali ed internazionali, postazioni per la navigazione Internet e una nuova piattaforma di contenuti digitali.

Questa “piazza del sapere” e dell’incontro è aperta a tutti, giovani e adulti, con aree e servizi più adeguati ai moderni criteri di accessibilità, di fruibilità e di molteplicità della cultura.

Durante l’inaugurazione di sabato, dopo il taglio del nastro, saranno presentati due interessanti progetti editoriali: il primo è “Stuprum vel molestia” di Giovanna Giubbini, direttore dell’Archivio di Stato di Ancona, una interessante pubblicazione che ripercorre la storia di alcuni dei reati contro le donne più diffusi nei secoli passati; il secondo è “Make a book”, vincitore del contest creative group promosso da Jes!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.