Medaglia al valore ai Carabinieri, le congratulazioni del Sindaco

JESI – Il sindaco Massimo Bacci e l’Amministrazione Comunale tutta esprimono le più vive congratulazioni al Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Jesi, capitano Mauro Epifani, al maresciallo Fabio Marco De Beato e al brigadiere Gabriele Di Francesco, insigniti della medaglia d’argento al valore dell’Arma dei Carabinieri per il tempestivo intervento che ha permesso nel settembre scorso di disarmare l’esagitato armato di machete di cui si è ampiamente occupata la cronaca locale e nazionale.

La medaglia è stata consegnata loro a Roma in occasione della Festa nazionale dell’Arma per i 201 anni dalla sua fondazione.

La medaglia è stata assegnata loro direttamente dal ministro della Difesa Roberta Pinotti. Medesima la motivazione per i tre carabinieri: “Con ferma determinazione ed esemplare iniziativa, non esitava ad affrontare un uomo in evidente stato di alterazione psicofisica che minacciava i passanti con un machete. Benché ferito da proditorio fendente, con eccezionale coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, unitamente ad altri militari, riusciva a disarmare e trarre in arresto l’esagitato dopo una violenta colluttazione. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere.”

“L’occasione – ha ricordato il sindaco – mi permette di ringraziare i Carabinieri e più in generale le forze dell’ordine per le parole di apprezzamento rivolte a questa Amministrazione comunale per la piena e fattiva collaborazione nell’ambito della sicurezza cittadina. In particolare – ha aggiunto Bacci – mi piace segnalare il convinto sostegno di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza alla scelta di installare le telecamere di videosorveglianza in alcuni dei quartieri più sensibili. Quelle telecamere, come confermato dagli stessi carabinieri in una recente assemblea pubblica, hanno già permesso in pochi giorni di risalire al responsabile di un reato, oltre ad aver dissuaso altri malintenzionati a commettere azioni penalmente perseguibili”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*