Piste ciclabili a Moie, partiti i lavori | Password Magazine

Piste ciclabili a Moie, partiti i lavori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Sono partiti i nuovi lavori per il Piano della mobilità ciclabile di Moie. Il progetto, denominato “Il Pedibus della Bassa Vallesina”, cofinanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che ha come obiettivo quello di creare una rete di percorsi ciclabili in grado di consentire il raggiungimento, in sicurezza, di tutti i luoghi di interesse, primi fra tutti le scuole. E proprio le aree limitrofe al Polo scolastico di via Venezia sono interessate, in questi giorni, dai lavori per la realizzazione delle nuove piste ciclabili, che termineranno entro il prossimo aprile. Il costo totale dell’opera è di circa 97 mila euro.

«Vogliamo costruire – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Mario Pastori – una rete ciclabile capillare, in modo da favorire la ‘viabilità lenta’. L’effetto che si vuole ottenere è la riduzione del rischio di incidenti, ma anche l’abbattimento dei livelli di inquinamento atmosferico ed acustico, in linea con le direttive comunitarie. Oggi, trascorsi alcuni anni dall’approvazione del Piano, sono già stati realizzati alcuni tratti della ‘rete’ della viabilità ciclabile a Moie, parallelamente sono state realizzate nuove strutture come il Polo scolastico, e quindi l’obiettivo è completare le previsioni del Piano della Mobilità ciclabile».

Sono diversi i tratti di viabilità interessati dal progetto. Uno riguarda il percorso ciclabile lungo i parchi limitrofi a via Fornace. Si utilizzerà, in parte, il percorso pedonale esistente, lungo il Parco della Solidarietà, per poi procedere fino all’incrocio stradale con via Urbino. La pista continuerà su una sede propria rispetto alla viabilità carrabile, lungo il Parco dei Pontacci. Qui il percorso sarà realizzato ex novo e attraverserà l’area verde (come da foto allegata). Il percorso ciclabile proseguirà, per un breve tratto che parte dall’incrocio con via Trieste in direzione della biblioteca comunale, anche sulla sede della viabilità carrabile di via Fornace, grazie al fatto che la strada è a senso unico. 

Un altro percorso ciclabile è quello lungo il Parco dei Pontacci, via Ascoli, Piazza Nagy. Come per il precedente, anche l’attraversamento del Parco dei Pontacci sarà realizzato ex novo, a doppio senso di marcia. Dal Parco, il percorso ciclabile proseguirà lungo via Ascoli, poi fiancheggerà il campo di calcio, con lo spostamento degli attuali parcheggi a spina di pesce. In via Ascoli Piceno sarà modificata la viabilità che diventerà a senso unico con direzione da via Ancona a via Pesaro. La pista ciclabile attraverserà poi un’altra area verde per collegarsi, in Piazza Nagy, con il percorso ciclabile esistente di via Trieste. 

Un altro tratto di percorso ciclabile sarà quello verso via Venezia e via Carducci e, visto l’alto volume di traffico su via Venezia e le sue dimensioni non adeguabili, passerà nella fascia di verde pubblico che parte dal parcheggio della biblioteca comunale, ed è parallela a via Bologna e via Fornace. Dall’altro lato, partendo da quella esistente in via Carducci, passando all’interno del parco pubblico, attraversando via Trento e fiancheggiando l’asilo nido e passando nell’area verde, confluirà in via Venezia.

Un altro tratto di percorso ciclabile è quello lungo via Firenze verso via Trento. Questo perché obiettivo del piano è quello di connettere la rete dei percorsi con i luoghi dell’istruzione, quindi le scuole, ed i luoghi di lavoro. 

L’ultimo tratto previsto è quello lungo via Urbino, che sarà di collegamento tra il percorso proveniente dal Parco della Fornace e quello esistente su via Urbino, a partire da via Agrigento. Tutte le aree su cui ricadranno i percorsi ciclabili sono nella disponibilità del Comune di Maiolati Spontini. 

1 Commento su Piste ciclabili a Moie, partiti i lavori

  1. Una pista ciclabile vicino ad una scuola elementare dove già è difficile trovare parcheggio quando si accompagnano i bambini a scuola. Complimenti!
    Ce li vedo i genitori con lo zaino e l’ombrello (o l’ovetto dei fratelli più piccoli) in bicicletta! Già sarebbe impossibile durante le belle giornate per molti figuriamoci da Ottobre a ad Aprile! Ottima scelta, anche perché con l’aumento della tassa sui rifiuti (quasi raddoppiata durante la pandemia) qualcuno l’automobile sarà stato costretto a vedersela.
    Bravi! Io darei anche un premio a chi ha avuto questa idea geniale ma probabilmente lo ha già avuto🤣

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.