Stagione Lirica, interpellanza del PD Jesi: «Necessario non mascherare gli errori» | | Password Magazine

Stagione Lirica, interpellanza del PD Jesi: «Necessario non mascherare gli errori»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «La  difficile situazione in cui versa la Fondazione Pergolesi Spontini nonostante i cospicui contributi che riceve dal FUS è stata dimostrata dai fatti, da una programmazione fallimentare  determinata da cause molto più gravi di un  leggero “stress test” passeggero,  per il quale sarebbe stato davvero sufficiente rinviare un’Opera».

Così il PD Jesi commenta la notizia che vede Rigoletto chiudere la Stagione Lirica 2017/2018: «Cosa offrirà il nostro Teatro di Tradizione dopo l’unica Opera  rimasta in cartellone almeno fino all’autunno prossimo? Il rimborso dei biglietti  per gli spettacoli annullati di una Stagione Lirica caratterizzata da rinvii, riassestamenti, false partenze – si legge in una nota stampa – Per fortuna la Stagione Sinfonica FORM 2018 partirà a brevissimo, ma il vuoto lasciato dall’assenza della ricca Stagione Lirica Jesina non sarà certamente dimenticato. Non è neanche bastato  il generoso e considerevole contributo stanziato dal Comune in un’unica tranche per scongiurare questa débâcle».

Il PD Jesi si dice preoccupato da tempo per la situazione della Fondazione: «Riteniamo che sia necessario  ridefinirne al più presto le finalità ed i campi di azione, prevedere dei criteri  per individuare come gestirla in futuro, svolgere un monitoraggio costante delle attività dell’Ente,  affinché sia sempre  visibile e valutabile la  sua situazione  economico- finanziaria, nell’ottica della massima trasparenza».

A tal proposito, la consigliera comunale del PD Jesi Emanuela Marguccio presenterà nel prossimo Consiglio Comunale un’interpellanza in merito per chiarire «quali saranno i criteri che il sindaco Bacci  seguirà per ridefinire finalità e campi d’azione della Fondazione», «entro quale termine prevede di nominare il prossimo Amministratore delegato» e «come pensa di monitorare il bilancio».

«Ora che il reale stato della Fondazione è chiaro ed inconfutabile, è necessario non mascherare gli errori – conclude il PD – ma partire dal loro riconoscimento per superarli e restituire al nostro Teatro ed alle attività culturali della città il lustro che meritano. Il PD è pronto, come sempre, ad offrire il proprio contributo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.