Testamento Morosetti, l'obelisco tornerà in piazza della Repubblica? | Password Magazine
Festival Pergolesi

Testamento Morosetti, l’obelisco tornerà in piazza della Repubblica?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Darò un contributo per riportare la fontana con l’obelisco in piazza della Repubblica, lì dove era stata progettata. Lo inserirò nel mio testamento». Questa la promessa di Cassio Morosetti fatta e dichiarata nel marzo dello scorso anno in un collegamento via Skype con il Consiglio comunale jesino in occasione della sua nomina a cittadino benemerito.
Già mecenate per aver donato nel 2018 un tesoretto di 800 mila euro, destinati alla realizzazione del centro Alzheimer, il fumettista di successo scomparso qualche mese fa a Milano, doveva viveva, ha lasciato altri 2 milioni di euro alla città. Un patrimonio che sarebbe vincolato proprio allo spostamento dell’obelisco da piazza Federico II a piazza della Repubblica. Lo lascia intendere anche il figlio Roberto, in un’intervista apparsa sul Corriere della Sera:  «Un chiodo fisso, nato nel ‘96 quando, per la prima volta e in gran segreto, papà fece ritorno a Jesi con me per mostrarmi i luoghi dell’infanzia. Scoprì che il monumento non c’era più e ci rimase malissimo».

Oltre a disegni e pagine del Corriere dei Piccoli, di Cassio Morosetti, noto disegnatore umoristico, è stato anche autore televisivo e scrittore. Nato a Jesi nel 1922, ha trascorso la sua vita a Milano, per sua scelta, lontano dalla città d’origine che lo aveva ferito.

Morosetti aveva più volte raccontato di aver lasciato Jesi ed essersi arruolato volontario nel 1940 perché estremamente povero, di essere rimasto prigioniero in un campo di concentramento per lunghi anni e per poi rientrare nella sua città e raccogliere solo promesse non mantenute. Aveva così fatto di nuovo le valigie, pronto ad iniziare un nuovo percorso professionale straordinario che lo portò a collaborare anche con la Settimana Enigmistica e ad avviare poi  un crescendo di collaborazioni con migliaia di vignette su quotidiani, riviste, house organ, inserti pubblicitari in Italia e non solo.

Il suo cuore però è rimasto a Jesi, insieme al sogno di riportare la fontana nel luogo d’origine, dove da bambino giocava. L”obelisco, collocato nel 1844 davanti al teatro, era stato trasferito infatti nel 1949 nella piazza dell’Imperatore. E chissà che dopo Pergolesi e Federico II ora alla Giunta Bacci non tocchi davvero fare i conti anche con questo nuovo monumento da spostare: «Stavolta non so come andrà a finire – sono le dichiarazioni di Bacci apparse sul Corriere della Sera  – Nel testamento c’è però anche un vincolo temporale di un anno. Poi il lascito andrà a tre istituti benefici italiani».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.