Villa Borgognoni passa all’Asp, Ostello delle Idee: «Pronta petizione»

JESI – Il futuro di Villa Borgognoni al centro della discussione affrontata ieri pomeriggio durante una commissione consiliare aperta.

Chiamati ad intervenire al tavolo dei lavori, Emanuela Bartolini di Ostello delle Idee, David Belfiori direttore della Riserva Ripa Bianca e Stefano Sensoli, vice presidente SpazioOstello, i rappresentanti dell’Azienda ai Servizi alla Persona (ASP – Ambito IX), il sindaco Massimo Bacci, assessori, consiglieri e tecnici comunali.

Da una parte gli attuali gestori della Villa,  che da circa dieci anni utilizzano gli spazi per promuovere attività culturali e sociali, dall’altra l’Asp-Ambito IX che necessita quanto prima di nuovi locali per trasferire temporaneamente uffici e attività (circa 21 postazioni) dalla sede di via Gramsci, presto interessata da lavori di ristrutturazione finalizzati a risolvere i problemi atavici al tetto e ascensori. Gli interventi di riqualifica – che potrebbero durare più di un anno – permetteranno anche di estendere la capienza della Casa di Riposo, Residenza Protetta e RSA da 109 a 150 posti letto. 

Accese discussioni anche dopo lo scioglimento della Commissione

Di fronte all’emergenza, l’Amministrazione comunale aveva suggerito all’azienda ai servizi alla persona il trasloco a Villa Borgognoni, vista anche l’immediata vicinanza con la Casa di riposo.

Entro il 30 settembre, Ostello delle idee e le associazioni che finora hanno collaborato insieme alla valorizzazione del “bene comune”, come è stato definito, dovranno quindi abbandonare l’edificio per far posto ai servizi sociali.
Ma non senza puntare i piedi: «Una notizia che ci ha sconvolti e delusi – ha detto Emanuela Bartolini – Non ci interessa Villa Borgognoni come sede associativa ma ci poniamo come garanti di una destinazione definitiva della struttura come ostello e come centro di aggregazione sociale e culturale, dando continuità ad un attività che svolgiamo da dieci anni e che rischia di andare perduta».

E così gliu attuali inquilini della Villa hanno presentato in Comune, attuale proprietario dell’immobile, una “proposta di atto” per chiedere all’Amministrazione che sia confermata la destinazione futura di Villa Borgognoni ad ostello e perché siano avviati percorsi per la sua riapertura completa in tempi brevi, convinti che possa diventare il fulcro di un progetto di promozione di un turismo ecosostenibile per Jesi e per la Vallesina, anche con una rilevante ricaduta economica.

Gli uffici comunali però, per voce del dirigente dott. Mauro Torelli, hanno ieri escluso la possibilità di un’imminente riapertura della villa come ostello, a causa dei notevoli problemi strutturali che la rendono non idonea alla ricettività e alla somministrazione dei cibi (l’adeguamento chiederebbe ulteriore esborso di denaro dalle casse del Comune).

A difesa di Ostello delle Idee, che ha già avviato una raccolta firme per far riaprire l’ostello a Villa Borgognoni,  PD Jesi e Jesi in Comune hanno chiesto allora a Comune e Asp se possibile per queste associazioni mantenere comunque uno spazio all’interno dell’edificio e avviare un percorso di convivenza oppure se siano state prese in considerazione location alternative per accogliere i servizi alla persona: «Gli spazi attualmente identificati all’interno della Villa sono insufficienti, visto che all’interno potrebbero confluire anche tre associazioni di volontariato che affiancano l’Asp» ha puntualizzato il direttore Ambito T.S. IX Franco Pesaresi, presente insieme al presidente Sergio Mosconi, mentre l’assessore Renzi ha aggiunto«Villa Borgognoni scelta perché idonea e strategicamente vicina alla sede di via Gramsci. Una soluzione comunque temporanea».

«L’Asp sta gestendo al momento una struttura che ci imbarazza – sono le parole del sindaco Bacci – Gli interventi previsti sono necessari a restituire dignità alla Casa di Riposo e ad ampliarne gli spazi, per dare risposta alla domanda crescente da parte della comunità. Purtroppo le attività svolte all’interno dell’ostello sono di meno rilevanza rispetto all’emergenza sociale: l’Amministrazione resta comunque disponibile ad individuare sin da ora percorsi concordati e partecipati per capire, con il coinvolgimento di tutti, se c’è manovra per arrivare poi ad una gestione da parte di terzi di Villa Borgognoni che sia condivisa e che avvenga attraverso un’evidenza pubblica».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*