Addio a Monsignor Roberto Vigo, domani i funerali | | Password Magazine

Addio a Monsignor Roberto Vigo, domani i funerali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è spento nel pomeriggio di ieri, all’età di 89 anni, Monsignor Roberto Vigo, conosciuto  come parroco sportivo e musicista.Ordinato sacerdote nel 1948 , Monsignor Roberto Vigo ha dedicato interamente la sua vita alla comunità, sia come parroco alla guida della chiesa di San Sebastiano di Jesi, sia come fondatore dell’Aurora Basket e della corale Pergolesiana che aveva diretto fino al 2011.

Poi gli ultimi anni della sua vita, ospite della casa di riposo ‘Villa Celeste’ di Rosora dove il suo cuore ha smesso di battere.

funerali saranno celebrati giovedì alle 15 nella “sua” chiesa di San Sebastiano. La camera ardente è stata allestita alla Casa del Commiato del Gruppo Bondoni a Pozzetto di Castelplanio. Molto noto in città Don Roberto è stato insegnante di religione all’istituto superiore Cuppari, compositore e poeta e ha dedicato pagine bellissime alla sua Jesi. Tra le altre cose, ha visto crescere calcisticamente Roberto Mancini.

L’AURORA BASKET RICORDA CON COMMOZIONE DON ROBERTO VIGO

L’Aurora basket accoglie con grande commozione ed altrettanta partecipazione emotiva la  notizia della morte di Don Roberto Vigo, anima inesauribile e protagonista assoluto della nascita dell’Aurora basket nel lontano 1965. Fu proprio in quell’anno che Don Roberto, insegnante di religione al Ragioneria, ebbe l’intuizione vincente di fondare il settore basket all’interno della Polisportiva Aurora. mettendo a disposizione dei suoi alunni Gianni Rossetti e Carlo Barchiesi un campo attiguo alla parrocchia per consentire a molti giovani di praticare lo sport della pallacanestro. Grazie alla sua energia di trascinatore e alla sua tenacia fu presa e supportata la decisione di costruire alla fine degli anni 70 la palestra San Sebastiano, intitolata oggi alla memoria di Primo Novelli , che diede il la alla crescita esponenziale dell’Aurora basket, costituendo il terreno fertile che poi portò la pallacanestro jesina alla ribalta nazionale. Lo sport rappresentava uno dei chiodi fissi della personalità creativa e poliedrica di Don Roberto,  una passione  da alimentare rimboccandosi le maniche in prima persona ma mai in maniera invadente o eccessiva. Con Don Roberto se ne va un pezzo di storia della nostra città, anima viva di un quartiere che in lui riusciva con naturalezza e spontaneità a riconoscersi, pietra miliare dell’Aurora che lui stesso fondò nel 1955.  L’Aurora basket renderà omaggio alla sua figura prendendo parte alla cerimonia religiosa di saluto che si svolgerà giovedì prossimo alle ore 15 nella “Sua” chiesa di San Sebastiano con una delegazione della prima squadra e del settore giovanile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.