«Il centro storico non è un park notturno»: l'appello dei residenti | Password Magazine
Festival Pergolesi  

«Il centro storico non è un park notturno»: l’appello dei residenti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine d'archivio. Foto @Password Magazine - Riproduzione riservata

JESI – I cittadini residenti in centro storico non lo accettano più: urla, spaccio e atti che deturpano lo spazio pubblico, sfociando anche in aggressioni fisiche, fino alle 5 del mattino, ogni venerdì e sabato, non solo in occasione di eventi organizzati. Un vero e proprio “lunapark notturno”, come è stato definito nella lettera aperta inviata a tutte le forze politiche del consiglio comunale di Jesi. Una movida che, nella descrizione fatta in quest’appello, si traduce in degrado e mancanza di rispetto per luoghi e persone. Proprio nel quartiere “che dovrebbe essere la punta di diamante”, scrive il Comitato Abitanti Centro Storico di Jesi.

Dopo l’esposto alla Procura inoltrato circa un anno fa, proprio lo scorso 14 settembre il sindaco Massimo Bacci ha incontrato i residenti per individuare le vie jesine luogo del fenomeno notturno e avanzare proposte per il contenimento delle scorribande. Da quanto emerso, i cittadini sono preoccupati e spaventati. Sono stati spesso testimoni di episodi di spaccio e fruizione di droghe sintetiche, con contatori domestici che “diventano ricettacoli per la ‘roba’ e cocaina che viene tagliata e sniffata sui davanzali delle finestre private”. Dai racconti emerge che quanti hanno provato a reagire verbalmente, o presentandosi sulla soglia delle abitazioni, sono stati irrisi e insultati, anche rischiando l’aggressione fisica. È quanto successo ad esempio in via Roccabella / Costa Baldassini lo scorso sabato 11 settembre ad un residente che è stato malmenato.

Questo l’elenco dei punti nevralgici delle scorribande indicati dal Comitato: Costa Pastorina, Via Roccabella, Chiostro Sant’Agostino, Viae Vicolo Fiorenzuola, Vicolo Fiasconi, Vicolo del Giglio, Vicolo delle Viole, Via del Forno, Costa Baldassini, Piazza Nova, Vicolo Roccabella 1 e 2, Costa Lombarda, Via Lucagnolo, zona interna di Porta Valle, Via degli Spaldi, Via Postenna e “giardini Sacco e Vanzetti”, a cui si aggiungono Piazza Spontini e Piazza Indipendenza, per i volumi eccessivi della musica che disturbano il sonno dei residenti.

Proseguono così le denunce: “È stato un azzardo permettere l’apertura di tanti locali, per di più molto piccoli nel giro di un isolato, dove per far passare il tempo non c’è altra possibilità che bere e sostare all’aperto fino a tarda notte”. E sono numerose le domande lasciate aperte che incitano a un intervento tempestivo e chiedono risposta: “Dove sono le forze dell’ordine? Dove sono le istituzioni? Dove sono le forze politiche?”

Non si tratta di un’opposizione a bar, pub e luoghi di ritrovo, ci tengono a sottolineare i cittadini, ma di un problema provocato “dall’eccessiva concentrazione di locali”: “Ne riconosciamo la validità sociale di luogo d’incontro. C’è bisogno di uscire, parlare e conoscersi. È però indispensabile avere locali differenziati per orario di ingresso, con bagni più ampi, regole chiare, senso di responsabilità, controlli e sanzioni”. Secondo il contenuto della lettera infatti, delle “bande di ragazzi” non solo disturbano i residenti con schiamazzi e grida, ma anche sporcando vicoli e piazzette di urina, deiezioni, bottiglie e bicchieri.

Tra le proposte avanzate dal Comitato, in primis il coinvolgimento e l’intervento delle forze dell’ordine in orario notturno (dopo l’una), con serate scelte a campione a cadenza quindicinale, auspicando anche ad un protocollo d’intesa. Non mancano le proposte di installare telecamere, tenere aperti i bagni pubblici nelle ore notturne e, in extremis, applicare l’articolo 659 del Codice Penale sul disturbo della quiete pubblica.

L’invito finale della lettera è a progettare anche in altre zone della città, proponendo nuove idee per i giovani: “Rivitalizzare non è sempre sinonimo di riqualificare. Non si può più far finta di non vedere”.

 

A cura di Angela Anconetani Lioveri

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.