Cupramontana ricorda il bibliotecario Riccardo Ceccarelli - Password Magazine

Festival Pergolesi

Cupramontana ricorda il bibliotecario Riccardo Ceccarelli

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
CUPRAMONTANA – In tanti per ricordare Riccardo Ceccarelli, bibliotecario a Cupramontana dal 1979 al 2009, sabato scorso 28 maggio alle 17.30 presso la Sala Consiliare del comune di Cupramontana.
L’iniziativa è stata organizzata dal comune di Cupramontana, dalla Biblioteca Comunale in collaborazione con l’Archeoclub di Cupramontana, in occasione del 150° anniversario dall’inaugurazione della Biblioteca Comunale (1872-2022).
Oltre a questa iniziativa, nel programma per celebrare i 150 anni della biblioteca sono stati realizzati altri due momenti. Sabato 2 aprile l’incontro «La Biblioteca di Cupramontana compie 150 anni» durante il quale si è ripercorsa la storia della biblioteca anche attraverso una mostra di alcuni dei documenti e dei volumi più importanti che custodisce. Lunedì 16 maggio la presentazione del libro per bambini “Tutù” di Alessandra Montali e Cristiano Dellabella con la premiazione dei migliori lettori della Biblioteca Comunale, tre adulti e tre bambini.
Terza iniziativa quella di sabato scorso, dedicata a Riccardo Ceccarelli, nato a Monte Roberto e scomparso nel 2019, personalità importante del nostro territorio: archivista e bibliotecario, storico, ricercatore e scrittore, autore e curatore di decine di pubblicazioni di storia locale.
Molto conosciuto e stimato in tutta la Vallesina e in particolare a Cupramontana, Ceccarelli è stato ricordato con affetto da tutti gli interlocutori, dagli amministratori presenti e passati e dalle tante persone che sono venute ad ascoltare.
La serata è stata condotta da Claudia Pierangeli, Bibliotecaria dell’Università degli Studi di Macerata che insieme ad Aldo Cerioni, Erika Morici ed Elena Gregori dell’Archeoclub di Cupramontana, compone il gruppo di lavoro di volontari che hanno aiutato il comune e l’operatore della biblioteca, Michele Bomprezzi, all’organizzazione degli eventi.
La vicesindaco Stefania Sorana ha portato i saluti dell’Amministrazione e del Sindaco Enrico Giampieri, contemporaneamente impegnato in un’altra iniziativa. La giornalista Cristiana Simoncini ha ricordato la figura di Ceccarelli come bibliotecario negli anni in cui lo ha affiancato in Biblioteca a Cupramontana, 2003-2005 per il riordino e la catalogazione dei volumi e delle etichette del vino per il nascente museo, esaltandone le qualità umane e professionali. Simoncini lo ha ricordato come appassionato ricercatore che accoglieva e aiutava gli studenti locali e non solo, per la preparazione delle loro tesi di laurea.
IMG_3445
Gianni Barchi, nuovo direttore dei Quaderni Storici Esini, raccolta di Studi e ricerche sulla Valle dell’Esino, ha ricordato Ceccarelli in qualità di storico locale, fondatore dei Quaderni stessi, arrivati all’XI volume. Un contributo fondamentale per non disperdere la memoria del passato e per continuare la ricerca storica sulle nostre origini e sui documenti ancora presenti negli archivi storici.
La parola poi è passata a Ezio Bartocci, artista polivalente di origini cuprensi che ha ripercorso i primi anni 70 a Cupramontana, gli anni in cui è stato Presidente del Consiglio di Biblioteca e ha visto rinascere la Biblioteca Comunale, così come la conosciamo oggi. Ha ricordato gli amministratori, gli artisti e le persone che, nonostante le ristrettezze economiche, con il loro impegno hanno permesso il buon andamento delle iniziative culturali promosse dalla Biblioteca in quegli anni. Bartocci ha ricordato infine che fu lui a proporre proprio Riccardo Ceccarelli come figura di bibliotecario da impiegare a Cupramontana.
Momento toccante per tutti i presenti la visione del filmato risalente al marzo del 1991, in occasione della presentazione del primo libro scritto da Ceccarelli su Cupramontana “Le strade raccontano”, in cui si è potuto apprezzare ancora una volta le sue qualità di persona umile e gentile nel linguaggio e nei modi.
Il figlio di Riccardo, Edoardo Ceccarelli, visibilmente commosso, ha ricordato il padre come osservatore attento dei suoi tempi in qualità di curatore della rubrica “contrappunti” sul settimanale diocesano “Voce della Vallesina”. Edoardo ha poi ricordato quanto il padre, nel capitolo “La fretta” nel suo libro “A piedi scalzi”, fosse preoccupato per l’informatizzazione del lavoro che, imponendo nuovi tempi e metodi, rischiava di togliere spazio al suo modo di archiviare e gestire le ricerche.
Prima di dare spazio alle testimonianze del pubblico, Claudia Pierangeli ha letto la lettera, indirizzata all’amministrazione comunale dall’artista Carlo Iacomucci, assente per motivi personali, nella quale ha ricordato con affetto l’amico Ceccarelli con il quale ha avuto occasione di collaborare, apprezzandone la preparazione la preparazione anche nel campo delle Arti visive.
Molti gli interventi del pubblico anche da parte di ex amministratori che hanno collaborato a lungo con Ceccarelli e che ne hanno ricordato con commozione le qualità umane e professionali.
L’incontro si è concluso in Biblioteca Comunale con l’inaugurazione di una targa dedicata a Riccardo Ceccarelli, affissa nella stanza dove era in origine il suo ufficio di bibliotecario, alla presenza della moglie Raffaela e del figlio Edoardo.
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.