Astralmusic

Guarire le ferite: qual è la tua?

Astralmusic

“Fin quando non saprai morire e poi rinascere, rimarrai un viaggiatore infelice su questa terra (W. Goethe)”.

Rubrica a cura della dott.ssa Norma Zingaretti – Provo sempre un grande stupore una grande ammirazione per le tutte le persone che trovano il coraggio, la forza di mettersi in discussione, che lottano, sfidano sé stesse, attraversano l’inferno interiore, rivivono antiche sofferenze e riescono alla fine a scorgere la luce e ritrovano fiducia in sé stesse e nella vita. In questo percorso numerose purtroppo possono essere le ferite che la persona riconosce di aver vissuto. Spesso nuove ferite richiamano ferite più antiche vissute da bambini. In generale possiamo raggrupparle in cinque grandi categorie che corrispondono alle cinque più grandi ferite fondamentali vissute dall’essere umano. In ordine cronologico, ovvero come compaiono nel corso della vita sono le ferite del rifiuto, abbandono, umiliazione, tradimento, ingiustizia. La prima grande ferita è quella del rifiuto in cui già da appena nati ci si sente rifiutati e senza il diritto di esistere. La seconda grande ferita è quella dell’abbandono dove nei primi anni di vita manca il nutrimento affettivo o non si ha il nutrimento desiderato e di cui si ha bisogno. La terza grande ferita è quella dell’umiliazione, dove si avverte una mancanza di libertà e un eccessivo controllo da parte dei genitori. La quarta grande ferita è quella del tradimento dove il bambino viene manipolato dai genitori e viene  violata la sua fiducia e le sue aspettative. La quinta ferita è quella dell’ingiustizia dove il bambino sente di dover essere perfetto e fornire prestazioni elevate per essere accettato e accolto dai genitori.

Queste sono a grandi linee le ferite più  grandi e spesso la stessa persona può averne più di una anche mescolate. La prima tappa per guarire una ferita consiste nel riconoscerla, nell’accettarla, senza dovere essere d’accordo con il fatto che sia presente. Accettare significa guardarla, osservarla, sapendo che il fatto di avere ancora qualcosa da risolvere  fa parte dell’esperienza dell’essere umano e anche che avere qualcosa che ti fa male non significa che sei una cattiva persona. Il fatto di essersi creati una maschera per non soffrire rappresenta un atto eroico, un atto d’amore verso sé stessi. Ad un certo punto si pensa che sia indispensabile cambiare, mentre in realtà ciò che va fatto è guarire. Ecco perché conoscere le nostre ferite ci fa così bene: ci consente di guarire. La guarigione non avviene dicendo semplicemente voglio guarire, seppur questa volontà e la  decisione di risolvere le proprie ferite sia il primo ed indispensabile passo. Sono fondamentali durante il cammino la compassione, la pazienza e la tolleranza verso sé stessi. Saranno qualità che potrai sviluppare anche verso gli altri e sono dei veri e propri doni offerti a te dal tuo cammino verso la guarigione. Esperienze simili possono generare in persone diverse vissuti completamente differenti. Non è l’esperienza in sé che conta, ma ciò che tu provi davanti a ogni esperienza!! In questo è importante osservare le caratteristiche del corpo che non mente mai! L’ego fa di tutto per non farci rivivere le nostre ferite, è convinto che se le tocchiamo con mano non saremo in grado di gestire il dolore che né deriverà. E’ stato sempre l’ego a convincerci a creare le maschere per evitarci la sofferenza. Una volta indossata la maschera non siamo più noi stessi e adottiamo il comportamento che la caratterizza. Potremmo provare a riconoscerla e a identificare la ferita che cerchiamo di nascondere, sempre senza criticarci o giudicarci. Quando te ne rendi conto sii felice di essertene accorto e ringrazia l’incidente o la persona che ha messo il dito sulla piaga, perché ti permette di vedere come non sia ancora guarita. Se non altro ora né sei consapevole. E’ importante inoltre che ti conceda il tempo necessario alla guarigione. Guariamo le nostre ferite interiori così come guariamo quelle fisiche. Ti è mai successo di essere così impaziente di far scomparire un brufolo dal viso da tormentarlo continuamente? Cosa è successo? Il brufolo è rimasto molto più a lungo non è vero? Un problema, qualunque esso sia perché scompaia bisogna accettarlo, offrirgli amore incondizionato, ringraziarlo, perché ti aiuterà a tracciare la rotta verso la guarigione, invece di volerlo far sparire il più rapidamente possibile. Amare una ferita o amare i brufoli in faccia significa anche accettare che sei stato tu a crearli per una data ragione (che magari al momento non comprendi!!) ma che ha lo scopo ultimo di aiutarti! Per esempio invece di voler far scomparire i brufoli subito usali per prendere coscienza di un aspetto di te che ti ostini a non vedere. Tra l’altro quando avrai compreso realmente il motivo della loro comparsa allora forse scompariranno veramente, tutti gli altri tentativi risulteranno spesso vani!!! Ma come si crea una ferita e come si risolve?

La prima tappa da cui partiamo è quando siamo semplicemente noi stessi, la seconda tappa è quando ci accorgiamo con estremo dolore di non poter essere noi stessi. Molto spesso ciò accade da bambini, anche molto piccoli. Gli adulti sono molto bravi a spiegare ai bambini come dover  essere, invece di apprezzare come sono realmente e di aiutarli a scoprire le loro inclinazioni, attitudini ecc.. La terza tappa è quella della ribellione di fronte al dolore vissuto, è il momento in cui il bambino comincia ad avere momenti di crisi ed oppone resistenza ai propri genitori. La quarta tappa è quella della rassegnazione in cui ci creiamo una maschera per non deludere gli altri, ma soprattutto per non rivivere la sofferenza di non essere stati accettati.

La guarigione è un percorso inverso di queste tappe. Quindi la prima tappa sarà proprio quella di riconoscere con onestà quale maschera stiamo indossando, a quale parte di noi stiamo rinunciando per essere accettati dagli altri… La seconda tappa sarà un senso di rivolta, resistenza nello scoprire la propria ferita, si farà fatica ad accettarla. Questo senso di ribellione può variare da persona a persona, a seconda di quanto è profonda la ferita, dal grado di accettazione e di apertura. La terza tappa è quella in cui riconosci di aver sofferto e ti riavvicini a questa sofferenza, sentirai tutto il dolore che il bambino dentro di te ha vissuto. Più riuscirai a provare compassione  e amore per quel bambino,  più vivrai in profondità la guarigione e proverai compassione e comprenderai anche la sofferenza vissuta dai tuoi genitori. La quarta tappa nella via di guarigione sarà quella in cui finalmente tornerai ad essere te stesso e smetterai di credere di avere ancora bisogno di una maschera per proteggerti. Accetterai che la vita è colma di esperienze che sono lì ogni giorno ad insegnarti ciò che è benefico per te. Imparerai e sentirai di amare te stesso. Questo amore non ha nulla a che vedere con ciò che fai e ciò che possiedi, è semplicemente l’esperienza di essere te stesso. Amare te stesso significa concederti di essere così come sei, di accettarti. L’accettazione è l’elemento scatenante della guarigione. Nessuna trasformazione è possibile senza l’accettazione.

Per  approfondire..

Lise Bourbeau, Le 5 ferite e come guarirle, Edizioni Amrita 2002
Lise Bourbeau, Chi sei? Edizioni Amrita, 2001

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*