Il via a l'Ufficio associato progetti e fund raising tra Comuni | Password Magazine

Il via a l'Ufficio associato progetti e fund raising tra Comuni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “La costituzione di un Ufficio intercomunale tra Jesi, Ancona, Fabriano e Senigallia volto ad intercettare finanziamenti comunitari o ministeriali rappresenta una novità importante nel panorama provinciale che mette nelle condizioni gli enti locali di essere ancor più protagonisti nelle scelte del territorio”.
Così il sindaco Massimo Bacci all’indomani dell’approvazione, da parte del Consiglio comunale, dello schema di convenzione che dà il via all’Ufficio associato progetti e fund raising che vedrà i quattro enti occuparsi – valorizzando e condividendo professionalità, conoscenze e competenze – dello studio e dell’analisi delle opportunità di finanziamento offerte dai programmi europei, della progettazione o del supporto alla progettazione per la partecipazione a bandi, della costruzione di nuovi partenariati e supporto a quelli già esistenti, in particolare con l’Area Metropolitana Medio Adriatica.
“Una scelta strategica – sottolinea Bacci – nata dal primo positivo confronto tra le Giunte comunali di Jesi ed Ancona, che ha trovato la meritoria adesione degli altri due più importanti Comuni della provincia e che è ovviamente aperta ad altre realtà locali. Con essa si dà il via ad una visione di area vasta che abbraccia problematiche comuni ed a cui la programmazione comunitaria 2014-2020 attribuisce particolare valenza: l’efficienza energetica, lo sviluppo sostenibile, l’innovazione, la ricerca, la coesione e l’equità sociale. Tematiche integrate che coinvolgono diverse competenze per una lettura adeguata del territorio e delle sue criticità, così da poter dar vita a meccanismi virtuosi che possano fungere da leva economica, garantire forme permanenti di sviluppo e produttività, capaci di perdurare anche dopo la conclusione dei progetti. Un percorso in grado di promuovere esperienze strutturate di partenariato pubblico privato, così come viene richiesto dai più recenti meccanismi di ingegneria finanziaria promossi dalla Comunità Europea ed attivare masse importanti di risorse economiche e coinvolgere porzioni vaste di territorio e di popolazione, al fine di garantire cambiamenti profondi e sostanziali”.
Nel sottolineare il nuovo protagonismo riconosciuto alle città dall’Unione europea, il sindaco Bacci ha sottolineato come tale iniziativa si coniughi perfettamente con il progetto dell’Area Metropolitana Medio Adriatica il quale si pone come obiettivo fondamentale la costruzione di una strategia territoriale integrata per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva, tramite la costituzione di una governance d’area vasta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.