Jury Chechi a Jesi: “Ai giovani consiglio impegno e determinazione ma soprattutto divertimento”

JESI – Ottanta ragazzi da tutta Italia stanno seguendo il Camp nazionale di ginnastica artistica al Palazzetto Ezio Triccoli con la supervisione del campione Jury Chechi e di altri nove tecnici molto qualificati. L’olimpionico era già stato a Jesi lo scorso anno sempre con il progetto dei Gym Academy e quest’anno, con il doppio degli allievi, ha deciso di ritornare. “E’ dal 1982 che vengo nelle Marche – racconta – I Camp dello scorso anno sono stati una soddisfazione ed eccoci di nuovo qui con il doppio dei ragazzi. Prendiamo i ragazzi dal livello base fino ai livelli più alti e posso dire che ci sono delle valide promesse. L’organizzazione è impeccabile, la struttura e gli attrezzi sono di ottimo livello insomma ci sono tutti i presupposti per fare sempre meglio”. I ragazzi si divertono e imparano con l’ausilio di tecnici esperti, tra cui il bielorusso Anatoly Titov. “Gli atleti vengono da tutta Italia con le famiglie, hanno dagli 8 ai 14 anni e due sono jesini. Abbiamo chiuso il numero delle adesioni. Per tutti è un’esperienza fantastica, una settimana di lavoro intensa con le preziose indicazioni del campione Jury Chechi” sottolinea Daniele Crognaletti, dirigente Esitur organizzatore dell’evento, raccogliendo il plauso dell’assessore alo sport Ugo Coltorti che evidenzia l’importanza di occasioni come questa per l’intera città di Jesi. Straordinario con gli anelli, Chechi non è da meno con i ragazzi: “Soprattutto in questo momento storico devastante ritengo fondamentale stimolare l’interesse delle giovani generazioni. Lo sport è ricco di questi valori e può dare una mano alle famiglie nell’educazione. Ai ragazzi consiglio impegno, determinazione ma soprattutto divertimento. Nessuno deve pensare di essere un campione”.

Dal Palazzetto Ezio Triccoli un messaggio anche a Gianmarco Tamberi, un grave infortunio alla caviglia ha di fatto spazzato via il sogno del giovane marchigiano di partecipare alle Olimpiadi di Rio: “Non lo conosco personalmente ma capisco cosa prova. E’ stata una bella batosta ma gli consiglio di non mollare”. E sul marciatore altoatesino Alex Schwazer, che non potrà prendere parte alle Olimpiadi di Rio perché sospeso dopo l’esito delle controanalisi su un controllo antidoping fatto a gennaio (le analisi, va detto, sono state già contestate) ha dichiarato: “Conoscendo Schwazer e Sandro Donati (allenatore del marciatore, che da anni si batte per lo sport pulito) ho dei sospetti, la mia opinione è che aveva le carte per le olimpiadi. Per carità sul doping ci vogliono regole serie e rigide ma Schwazer aveva già pagato i suoi errori”. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*